Colonnella, la Dirigente Divisi ed il Sindaco Pollastrelli ricordano il Prof. Giulio Iustini

Condividi questo articolo sui social o stampalo

COLONNELLA – Un anno davvero funesto per Colonnella che perde uno dei suoi riferimenti culturali ed umani più importanti, il Prof. Giulio Iustini. è morto nella notte, tra domenica e lunedì, all’età di 70 anni, il professore andato in pensione da pochi anni, ma ancora molto attivo all’interno del plesso scolastico colonnellese. Fratello dell’ex Sindaco Marco e figlio di Guido, primo sindaco di Colonnella dopo la separazione con Martinsicuro, Giulio aveva ricoperto la carica di Assessore alla Cultura nella prima giunta nominata da Augusto Di Stanislao. Ma in paese era molto conosciuto per ben altri motivi: la sua, infatti, era un’importante figura di riferimento per il mondo della cultura e del volontariato.

Docente di matematica molto preparato ed apprezzato, appassionato della materia e sempre disponibile con chiunque, ha istruito ed educato generazioni di giovani ed è stato anche Vice Preside della Scuola Media Ignazio Silone di Colonnella. Numerosi gli attestati di stima ed i ricordi apparsi sui social da parte dei suoi amati studenti, dei colleghi e di tutto il personale scolastico. Questo il ricordo della Dott.ssa Manuela Divisi, Dirigente dell’Istituto Comprensivo Corropoli – Colonnella – Controguerra: “La notizia dell’improvvisa scomparsa del Professor Giulio Iustini ha commosso tutta la comunità colonnellese, in particolare la scuola dove ha educato ed istruito intere generazioni di studenti. È stato uno dei docenti più preparati che io abbia mai conosciuto in vita mia, intelligente, pacato, dai modi sempre gentili e signorili, amato da alunni e colleghi. Una vita dedicata alla sua scuola, Colonnella, ed un attaccamento fortissimo all’insegnamento. Parlare di Giulio non è facile senza incorrere nella banalità e nella retorica, ma soprattutto non è facile ricordarlo e ringraziarlo attraverso la parola scritta, perché tanti sono i ricordi e i pensieri che affollano la mente in questo momento. Giulio ha sempre considerato il nostro lavoro come una missione, perché sapeva benissimo che aveva tra le mani del capitale umano che avrebbe rappresentato la futura società del domani. Ha sempre accompagnato i suoi alunni ‘per mano’, insegnando loro non solo ‘la spesso odiata matematica’, ma la vita. Una vita imperniata di valori la sua, di ideali e di sani principi che è sempre riuscito a trasmettere con molta naturalezza senza mai imporli. Era questa la sua grandezza, la sua forza! Ho assunto la Dirigenza Scolastica della scuola di Colonnella nel 2014, spinta anche dalla consapevolezza di trovare Giulio come primo collaboratore vicario, una sorta di tranquillità per me, avere al mio fianco una persona che rappresentava la storia della scuola che mi apprestavo a dirigere. Ha saputo affrontare con la calma e la dedizione che lo hanno sempre contraddistinto, uno dei periodi più tristi e complicati della storia della nostra scuola, traghettando colleghi e personale Ata per circa tre anni verso scelte organizzative e didattiche sempre attente al benessere dei suoi adorati alunni. Ci mancherai caro Giulio! Oggi la scuola ha perso una grande persona, perché nonostante il tuo meritato pensionamento, hai continuato ad essere presente per tutti noi e per i nostri alunni, che hanno avuto la fortuna di conoscerti anche attraverso la tua attività di volontariato che svolgevi all’interno della scuola di Colonnella per aiutare e cercare di recuperare qualche studente in difficoltà. Non sei mai riuscito a distaccarti completamente dal suono della campanella, da quel vociare chiassoso e da quegli sguardi innocenti che hanno sempre fatto breccia nel tuo buon cuore! Tutti noi custodiremo con cura il tuo ricordo, un ricordo di un uomo per bene e d’altri tempi. Adesso mi piace pensarti così: mentre cammini su un campo fiorito insieme a tuo fratello Marco, con uno sguardo vigile, ma sempre discreto, sulla nostra amata scuola. Ciao Giulio.”

La fama del prof. Giulio Iustini aveva varcato anche i confini colonnellesi grazie alla rivista culturale Frammenti, di cui è stato uno dei fondatori e colonna portante. Qualche anno fa aveva pubblicato il libro “Colonnella e il professore”, dedicato alla memoria del padre Guido. Sempre attento ad ogni stimolo culturale, quando vedeva che la comunità ne era sprovvista, li creava lui stesso, impiegando idee, tempo e passione per nuovi progetti sempre a vantaggio della comunità. Il suo impegno e la sua dedizione verso il mondo della cultura sono stati negli anni riconosciuti non solo dai Colonnellesi, dagli studenti, dai colleghi e dagli amici, ma anche dagli esperti del settore, tanto che è stato componente della giuria del premio internazionale “Gaetano D’Annuntiis” di Corropoli. Questo il ricordo del Sindaco di Colonnella, Leandro Pollastrelli: “Con la scomparsa del Prof. Giulio Iustini, non se ne va un semplice cittadino, ma un uomo che ha donato il suo sapere a diverse generazioni di Colonnellesi. Oltre all’impegno scolastico, va ricordato per la fondazione e gestione della rivista Frammenti, che per tanti anni è stato un punto di riferimento culturale, non solo per Colonnella, ma per l’ intera Val Vibrata. Oggi la nostra piccola comunità perde un altro protagonista della propria storia che rimarrà sempre nei ricordi di tutti noi. Alla cognata Luisa va la nostra vicinanza, con la consapevolezza che il professore rimarrà sempre nei ricordi di quei ragazzi, oggi uomini e donne, madri e padri di famiglia che lui ha contribuito a costruire.”

I funerali del Professor Giulio Iustini si svolgeranno oggi pomeriggio alle ore 15:00 presso la Chiesa San Cipriano di Colonnella.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *