“Storia e cronache della S.O.I.”, il nuovo libro del Prof. Filippo Cruciani

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MONTELPARO – Con la recente pubblicazione del Terzo Volume di “Storia e cronache della S.O.I” (la Società Oftalmologica Italiana), il Prof. Filippo Cruciani ha concluso questa importante e grande opera.
Con l’uscita del terzo e preziosissimo volume, di livello sicuramente enciclopedico, la SOI ha voluto preparare anche un cofanetto che, in dimensioni molto più ridotte, raccoglie le tre pubblicazioni. Esse saranno in questa maniera, ed a costi più accessibili, proposte ai lettori che le vorranno avere nella loro libreria per una giusta e completa informazione, scientifica e storica, in un campo delicatissimo quale quello della cura degli occhi!
Come avevamo poi già preannunciato, è avvenuta la pubblicazione dell’altro testo, scritto sempre dal Prof. Filippo Cruciani e sempre per incarico della stessa SOI, dal titolo “Storia della lotta alla cecità. L’alleanza tra oftalmologi e ciechi”
“ “Vedere è paradiso de l’anima uscente da li occhi” questa bellissima definizione attribuita all’unico Papa oculista della storia, Giovanni XXI detto Pietro l’Ispano, vissuto nel 1200 e citato da Dante Alighieri nella Divina Commedia (“Ugo di San Vittore è qui con elli / e Pietro Mangiadore e Pietro Ispano / lo qual già luce in dodici libelli”), dà pienamente il senso dell’importanza fondamentale della vista nella vita dell’uomo. “In oculis vita”, dicevano i latini.
Sulla priorità della vista sugli altri organi di senso tutti – dagli addetti ai lavori all’uomo della strada – concordano pienamente. È la stessa scienza che ci dice che la quasi totalità delle informazioni che ci provengono dall’ambiente – circa l’80% – passano per il canale visivo.”
Sono queste le primissime righe che il prof. Cruciani scrive nell’introduzione di quest’opera anch’essa unica e fondamentale per la comprensione della storia alla lotta alla cecità!
“Il libro di Filippo Cruciani ripercorre questa grande e virtuosa Storia e a lui va il merito di aver rintracciato documenti spesso sepolti nella polvere delle nostre biblioteche che erano ritenuti ormai perduti”.
E con questo il Presidente della SOI Matteo Piovella conclude la sua prefazione al libro stesso.
Siamo molto orgogliosi dei successi del nostro compaesano nel campo scientifico, quale grande professionista nelle vesti di Oculista, Chirurgo, Responsabile di Clinica Oculistica, Docente Universitario e Consulente ad altissimo livello nazionale e non solo!
Dobbiamo però dire ancora una volta di essere altrettanto orgogliosi per quanto Filippo Cruciani, quale montelparese Doc, ha saputo donare al suo paese d’origine, nel ricordo della sua storia, il folclore, gli usi, i costumi!
Dopo aver messo in grado l’Associazione Culturale-Compagnia Teatrale “IL MURELLO” di primeggiare nel campo teatrale in ogni parte d’Italia con le sue incredibili e particolari commedie dialettali (messe in scena con grande professionalità e bravura dalla formazione montelparese), la maggior parte delle quali raccolte nel suo memorabile libro “La Luna mi raccontò”, come già ricordato in un precedente servizio, Filippo sta per dare alle stampe un altro preziosissimo e corposo testo nel quale raccoglie decine di racconti (il lingua e in dialetto): “RACCONTI” appunto! Questo è il titolo provvisorio! “Giulia, Enrico B., L’Albero di Natale, Rigo, Don Pasquale L., Le Panette, Rosa e Mario, La cresta abbassata, La festa del grano, La rmasta e l’altro, Il ceppo di Natale, La volpe Ermenegildo, Il bidello, Nico’, ‘Nto’ e la signora di bianco vestita, L’estremo commiato, ecc. ecc. ecc.”! Sono questi i titoli di alcuni dei tantissimi racconti che saranno presenti nel nuovo testo in preparazione!
Non possiamo, in conclusione, non esprimere ancora un grande riconoscimento e un enorme grazie a questo personaggio che, nella sua eccezionale carriera, mai ha voluto dimenticare la sua terra d’origine e che anzi, con grande modestia e disponibilità, le ha saputo regalare, con opere uniche e indimenticabili, momenti di grande notorietà!
Grazie Filippo! Tutto questo rimarrà nella storia del tuo paese!

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *