Sorelle Clarisse: “Saliamo sul monte”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

DIOCESI – Lectio delle Sorelle Clarisse del monastero Santa Speranza di San Benedetto del Tronto.

Questa domenica la Parola, nella prima lettura tratta dal libro della Genesi, ci fa avvicinare la figura di Abramo. E’ una situazione particolare quella che sta vivendo. Sta affrontando un percorso faticoso, accompagnato da una certezza, che è la Parola attraverso la quale Dio gli ha detto: «Prendi tuo figlio, il tuo unigenito che ami, Isacco, va’ nel territorio di Moria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò».

Abramo sta salendo sul monte…salgono sul monte anche Pietro, Giacomo e Giovanni, lo leggiamo nel Vangelo, anch’essi scortati da una Parola di Dio, stavolta una Parola fatta carne, Gesù Cristo.

E’ un cammino forse più sereno rispetto a quello di Abramo, ma non meno denso di interrogativi. Pochi giorni prima, infatti, Gesù aveva freddato la frenesia di miracoli, la soddisfazione e l’insuperbimento generati dall’enormità di gente al suo e loro seguito. E poi aveva duramente rimproverato Pietro che si era come ribellato all’idea che Gesù, il Messia, sarebbe stato ripudiato, ucciso, risuscitato dopo tre giorni.

C’è l’iniziativa di Gesù, da un lato, e, magari con tante domande dentro, il lasciarsi condurre dei discepoli dall’altro. C’è l’iniziativa di Dio da un lato e, sicuramente con tante domande dentro, Abramo che si lascia condurre dallo stesso Dio dall’altro.

Sarà un vincente o un perdente questo Dio? Perdiamo o salviamo la vita a seguirlo? E’ un Dio di vita il nostro Dio o un Dio che ci chiede di affrontare prove, sofferenza, addirittura la morte?

Tutte domande che, certamente, anche noi sentiamo spesso salire al cuore. Ed è come se avessimo bisogno di una conferma.

Forse sta qui il significato della Trasfigurazione, una Trasfigurazione che viene a dirci che non è la passione l’esito della storia ma la resurrezione; che non è la morte l’esito della storia ma la vita.

E per dircelo, per confermarcelo, il Signore ci fa salire con Lui sul monte.

Sul monte Tabor, dove, ci dice l’evangelista Marco, le vesti di Gesù «divennero splendenti, bianchissime…», un’immagine con la quale Gesù vuole darci un’anticipazione della sua resurrezione, della vita oltre la morte.

Sul monte nel territorio di Moria, dove ad Abramo prospetta non un futuro di morte ma un futuro di benedizione, una discendenza numerosa, la vita eterna.

Sì, c’è da salire su un monte. Cammino duro, faticoso, in salita, a tratti senza prospettiva, stradine accidentate, pareti che non ci permettono di allargare lo sguardo all’orizzonte ma sul monte, sulla cima del monte la prospettiva e la visuale su tutte le cose, fino all’orizzonte, sono sicuramente diverse, più ampie, più libere rispetto al basso.

E poi, riempiti da questo nuovo vedere, c’è da scendere nuovamente a valle, come Abramo, come Pietro, Giacomo e Giovanni, sempre, come loro, accompagnati da una Parola, per immergerci nuovamente nella vita di ogni giorno con la stessa certezza di San Paolo: «…se Dio è per noi, chi sarà contro di noi? Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha consegnato per tutti noi, non ci donerà forse ogni cosa insieme a Lui?».

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *