Acquaviva Picena aderisce a “Federico II e le Marche nel Medioevo, percorsi Svevi tra i Comuni del sisma”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

ACQUAVIVA PICENA – Il Comune di Acquaviva Picena ha firmato un protocollo d’intesa, insieme ad altri Comuni marchigiani, che lo vede impegnato nei prossimi tre anni insieme al Comune di Jesi in un progetto finanziato dalla Regione Marche. Il progetto “Federico II e le Marche nel Medioevo, percorsi Svevi tra i Comuni del sisma”, è volto alla valorizzazione delle Marche, attraverso la figura dell’imperatore. Il Comune di Jesi, la Fondazione Federico II Hohenstaufen e la Regione Marche, insieme per un importante progetto, che andrà a promuovere e valorizzare, oltre i tanti paesi marchigiani che rientrano nel protocollo d’intesa, in modo speciale quei Comuni colpiti dal sisma attraverso un itinerario inedito alla scoperta della storia dei Comuni federiciani: paesi a volte alleati e a volte ostili, estenuanti lotte tra Guelfi e Ghibellini, condottieri e vicari valorosi e preziosi documenti inviati dallo stesso imperatore, “Stupor Mundi”, nella terra di Marca. Federico II è nato a Jesi, nelle Marche nel 1194; ha lasciato in questa Regione un’eredità immateriale, un patrimonio intangibile dal quale si è formata l’identità di molti Comuni marchigiani, come ad esempio gli innumerevole incastellamenti dotati di possenti mura difensive che caratterizzano in gran parte le Marche. Il Museo Federico II Stupor Mundi con sede a Jesi, assume un ruolo importante in questo progetto, egli si fa trampolino di partenza alla scoperta delle caratteristiche di ogni singolo luogo federiciano presente nelle Marche. Organizzazione di eventi, visite guidate, collaborazioni con scuole ed università, sensibilizzazione verso le associazioni culturali dei Comuni coinvolti nel progetto, sono solo alcune attività che questa cooperazione si prefigge di perseguire. Il Museo Federico II di Jesi intende sottolineare attraverso la narrazione delle gesta dell’imperatore, la modernità di Federico II e altre particolarità dell’imperatore. Un progetto che punta a dare maggiore impulso al turismo, mettendo in luce il patrimonio culturale, paesaggistico ed enogastronomico delle Marche. L’assessore alla cultura del Comune di Acquaviva Picena Barbara Riga ha detto: “L’Amm.ne Com.le di Acquaviva Picena, grazie alla Fondazione Federico II di Jesi, il Comune di Jesi e la Regione Marche è sempre molto presente e partecipe nel progetto che coinvolge attivamente il nostro borgo e tutti i Comuni facenti parte dell’itinerario federiciano. Nell’ultima videoconferenza si è fatto il focus sull’importanza di valorizzare il patrimonio storico e culturale lasciato dallo “Stupur Mundi” come mezzo per fare rete nella Regione Marche al fine di promuovere i numerosi e stupendi borghi storici come Acquaviva Picena”. Il Comune di Acquaviva Picena fa parte del protocollo d’intesa grazie all’amicizia che lega dal 2000, l’Associazione Palio del Duca di Acquaviva Picena con la Fondazione Federico II di Jesi

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *