Edizione italiana di “Coyote Stories”, a cura della Blasini

Condividi questo articolo sui social o stampalo

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo aver curato il primo dizionario Italiano – Lakota, ne il “Lessico Lakota. Storia, spiritualità e dizionario italiano lakota” della Mauna Kea Edizioni, Myriam Blasini esce in libreria con la prima edizione in italiano di “Coyote Stories” di Mourning Dove, sempre in collaborazione con la Casa Editrice sambenedettese. Myriam Blasini, di origini canadesi, vive a San Benedetto del Tronto, dove è segretario dell’associazione Omnibus Omnes. La Blasini ci ha parlato di questa opera che racchiude i racconti di Mourning Dove, una delle prime autrici Native Americane mai pubblicate: “Sono meravigliosi racconti delle figure mitiche degli Indiani d’America più carismatiche. In questa edizione, che ho tradotto e annotato, troviamo le antiche leggende del popolo Salish , salvate dall’autrice dalla contaminazione culturale occidentale. In queste storie, estremamente originali e di cui è stato rispettato lo spirito originale e il linguaggio, non ci sono buoni e cattivi in senso tradizionale. Questo libro è una preziosa testimonianza culturale, ma anche una lettura appassionante e divertente”.

Per il libro “Lessico Lakota”, di cui la Blasini è stata coautrice insieme a Raffaella Milandri, sono arrivati diversi premi e riconoscimenti a livello nazionale nonché, per la prima presentazione tenutasi un anno fa a San Benedetto del Tronto, anche il Patrocinio Unesco per l’Anno Internazionale delle Lingue Indigene. Aggiunge la Milandri, fondatrice della Mauna Kea Edizioni: “Con la Blasini stiamo lavorando a nuovi progetti sempre incentrati sulla salvaguardia e divulgazione delle Lingue Indigene. Adesso con lei inauguriamo questa collana, “Racconti di Nativi Americani” e presto ci saranno altre novità, sempre elaborate da curatori sambenedettesi. Per dare giustizia ad una cultura che troppo spesso non ha avuto il dovuto rispetto, ma anzi, è stata osteggiata dall’epoca di Colombo in poi”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *