San Benedetto del Tronto, numeri record per “Io non rischio 2020”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Oltre 9000 visualizzazioni totali  dei post  e 4000 interazioni. Sono questi i numeri della pagina “Io non rischio 2020-San Benedetto del Tronto- la piazza digitale creata in occasione dalla  campagna di comunicazione promossa dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile , in collaborazione con ANPAS, INGV, Reluis e Cima, sulle buone pratiche di protezione civile, che ha aperto la Settimana Nazionale di Protezione Civile, conclusasi domenica 11 ottobre.

Un’edizione, quella del 2020 interamente svolta in digitale a causa dell’emergenza sanitaria, che ha visto impegnati  i comunicatori della FISA, Federazione Italiana Salvamento Acquatico e quelli della Croce Verde/ANPAS di San Benedetto, che hanno affrontato i rischi terremoto ed alluvione.
Una sfida vinta con numeri importanti che però non sorprendono più di tanto  considerato che la FISA durante il lookdown, aveva riorientato il modo di fare formazione/informazione ed aveva organizzato per i suoi associati e non solo, lezioni on line di altissimo profilo e webinar  attirando l’attenzione anche di diverse realtà scolastiche del territorio.
A questo vanno aggiunti l’ottima fattura del materiale  realizzato dallo staff comunicazione della FISA, supportato dai volontari comunicatori della stessa  Federazione e della Croce Verde, ed il prezioso contributo di personaggi pubblici, professionisti ed Istituzioni.
A tal proposito un grosso grazie va al  poliedrico attore comico televisivo “Pierpaolo Piccioni” in arte “Petò” capace di raggiungere, con la sua verve ed il suo linguaggio immediato, un grandissimo numero di persone, a Radio Incredibile, ai Dualmente Live, ai Pupazzi, all’Arch. Francesco Valentini ed al designer Lorenzo Punzelli, al sindaco di San Benedetto  del T. Pasqualino Piunti, al vice comandante dei VVF Ascoli Roberto Paoletti,  al responsabile di Protezione Civile del Comune di San Benedetto Vinicio Cipolloni.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *