Patrimonio in scena, a Cossignano lo spettacolo “In nome della Madre”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

COSSIGNANO – L’iniziativa “Patrimonio in scena” è un progetto nato dalla collaborazione tra Regione Marche, Consorzio Marche Spettacolo e il coordinamento Musei Archivi Biblioteche, che mira alla valorizzazione del patrimonio culturale regionale, a facilitare l’interscambio tra i pubblici e, nel complesso, a rafforzare il tessuto culturale delle Marche creando relazioni e sinergie tra i diversi soggetti. Il cartellone degli eventi prevede spettacoli all’interno di Istituti culturali, intesi come soggetti attivi in grado di interagire con le forme di comunicazione dello spettacolo dal vivo.

Nell’ambito degli appuntamenti di Patrimonio in scena, sostenuti dalla Regione Marche e coordinati dal Consorzio Marche Spettacolo, l’Amat – Associazione Marchigiana Attività Teatrali – sarà il soggetto attuatore dello spettacolo dal vivo “In nome della Madre” che verrà messo in scena nel Museo civico di arte sacra Chiesa dell’Annunziata di Cossignano, nelle seguenti date:
venerdì 2 e sabato 3 ottobre 2020, alle ore 21.00
domenica 4 ottobre, alle ore 17.00
venerdì 9 e sabato 10 ottobre, alle ore 21.00
domenica 11 ottobre, alle ore 17.00L’opera di Erri de Luca è un monologo ed è la storia narrata in prima persona da Miriàm, una donna che ricorda quanto da lei vissuto da ragazza, in Galilea, quando decise con straordinario coraggio di essere sposa e madre vergine, sfidando la tradizione ebraica del suo tempo per adempiere al suo destino di donna.

La produzione dello spettacolo è del Teatro Biondo di Palermo in collaborazione con Ponte tra Culture di Ancona, per la regia di Gianluca Barbadori, con l’attrice Galatea Ranzi.

Biglietto cortesia Euro 3,00: prenotazioni online su vivaticket.com AMAT 071 2072439 – Biglietteria c/o Museo civico di arte sacra Chiesa dell’Annunziata il giorno dello spettacolo da un’ora prima dell’inizio.

Info http://www.marchespettacolo.it/events/in-nome-della-madre

Progetto “In nome della Madre”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *