“Il Museo a Fumetti”, mostra al MIC di Grottammare

Condividi questo articolo sui social o stampalo

GROTTAMMARE – Apre sabato prossimo, 26 settembre, “Il museo a fumetti”, la mostra con la quale il MIC – Museo Illustrazione Contemporanea inizia la propria attività espositiva dopo il suo recente riallestimento. L’esposizione curata dal direttore dei musei di Grottammare, Nazzareno Cicchi, riunisce opere di autori molto diversi tra loro, ma che hanno in comune il fatto di essere tra i maggiori interpreti marchigiani della Nona Arte. Si tratta di Mara Cerri, Michele Petrucci e Maicol & Mirco. L’inaugurazione si terrà alle ore 16.30.

I disegni esposti sono studi, bozzetti e tavole preparatorie per gli albi a fumetti realizzati dal MiBACT in collaborazione con la casa editrice Coconino Press. Materiali inediti e originali che accompagnano i visitatori nelle varie fasi del processo creativo che ha portato alla realizzazione di una delle iniziative editoriali più innovative degli ultimi anni.

L’occasione nasce dalla partecipazione dei tre artisti a un progetto promosso nel 2018 dal MiBACT dal titolo “Fumetti nei musei”, in cui a ciascun partecipante è stato assegnato il compito di ambientare in una sede museale italiana una storia a fumetti, capace di parlare soprattutto ai più giovani.

I luoghi scelti dagli autori sono illustri palazzi storici: la Rocca di Gradara (Mara Cerri per Dietro di te), il Palazzo Ducale di Urbino (Maicol & Mirco per Hanchi e il ladro sensibile), il Palazzo Ducale di Gubbio (Michele Petrucci per Costanza e Martino) e la Reggia di Caserta (Maicol & Mirco per GUL: il cuore delle cose).

Oltre a mettere a confronto le soluzioni adottate dai tre disegnatori nell’ambito della stessa iniziativa, la mostra di Grottammare permetterà di avvicinarsi allo stile e alla poetica dei tre artisti, visto che le loro quattro storie costituiscono un piccolo spaccato, se non della loro attività complessiva, almeno di una significativa parte di essa.

Nel caso di Michele Petrucci, fumettista che vive e lavora a Fano, questa possibilità di risalire dal particolare al generale si coglie con immediatezza: dopo avere attraversato agli inizi specialmente i territori del noir e del thriller psicologico, in anni più recenti si è cimentato spesso col fumetto a tema storico, genere al quale anche le opere in mostra si ascrivono.

Dai disegni di Mara Cerri, artista pesarese specializzata nel cinema d’animazione, traspaiono invece il ricorrente interesse dell’autrice più all’interiorità dei personaggi che alla natura degli eventi che ne condizionano il destino, così come la rinuncia a tracciare un confine ben definito tra la dimensione del visto e quella dell’immaginato.

Quanto a Maicol & Mirco, fumettista di Grottammare famoso soprattutto per lo humour corrosivo e l’esistenzialismo “underground” delle sue vignette, i disegni esposti richiamano l’attenzione su un aspetto in lui cruciale, lo sguardo infantile. Uno sguardo, com’è noto, capace di mettere tutto in crisi, ma che qui deve fare i conti con la particolare tensione pedagogica dell’autore.

“C’eravamo impegnati a rileggere lo spazio conferendogli una vita più legata alla contemporaneità e soprattutto più dinamica e poliforme – dichiarano il sindaco Enrico Piergallini e l’assessore Lorenzo Rossi -. In questa prima mostra, si riassumono i principi che fondano la rilettura del MIC: autori giovani centralità del fumetto nell’arte e originalità di una proposta non scontata”.

L’esposizione sarà aperta nei giorni di venerdì, sabato e domenica (16.30-19.30) fino al 18 ottobre. Ingresso gratuito.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *