Montelparo, il maestro Fano (105 anni) al voto: “Conosco i miei doveri di cittadino e voglio ancora esprimere le mie idee”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MONTELPARO – Il più anziano elettore delle Marche?
Il Maestro Onofrio Fano da Montelparo (Fermo), 105 anni e 10 mesi compiuti (a novembre di quest’anno 106!)!
La Regione ha infatti comunicato al Comune di Montelparo che, dal mese di maggio scorso, il cittadino più longevo delle Marche è il nostro carissimo compaesano!
E oggi è andato, ancora una volta, al voto!
“Conosco i miei doveri di cittadino e voglio ancora esprimere le mie idee. Vado a votare perché è doveroso e nel rispetto della democrazia!” Ci ha dichiarato!
E, dopo il doloroso (soprattutto per lui) periodo del “confinamento” causa Covid, lo ha fatto con grande felicità e salutando cordialmente tutti (con le obiettive difficoltà, che abbiamo ognuno di noi, nel riconoscere i volti coperti dalle mascherine!).
Noi montelparesi siamo veramente felici di averlo visto ancora in una forma così smagliante e con la sua solita, grande determinatezza!
Egli è in questo paese dalla seconda metà degli anni Trenta del secolo scorso: da quasi ottantasei anni!
In questi tantissimi anni, oltre ad aver formato qui famiglia, ha insegnato ad intere generazioni di Montelparesi e si è ingegnato nel fare di tutto per questo suo paese adottivo! Ha fatto il Sindaco, è stato uno dei fondatori della Pro-Loco, il responsabile storico e presidente dell’Associazione Combattenti e Reduci, ecc. ecc. ecc.! Ci piace ricordarlo anche come anima della Biblioteca Comunale che, fino a quando ha retto lui, ha dato da leggere ad una infinità di paesani con una costanza ed una preparazione incredibili.

“Grandissimo” il nostro Maestro Fano (così è ancora oggi chiamato da tutti i compaesani!).
Un complimento, per tutto quanto sopra, va certamente e soprattutto alla famiglia, in primis alla figlia Gloria, che cura con grande amore e attenzione questo eccezionale personaggio!!!

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *