G7: Sassoli (Parlamento Ue), “superare il calcolo del Pil con strumenti che misurino sostenibilità ambientale e sicurezza sociale”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

“Vogliamo superare questa crisi con la democrazia, la trasparenza e la partecipazione dei cittadini. La democrazia è qualcosa che non possiamo sospendere a causa del virus. Ora più che mai, abbiamo bisogno di maggiore cooperazione. I parlamenti devono collaborare e andare oltre i semplici confini nazionali per dimostrare che la democrazia non è passata di moda”. Lo ha affermato il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, all’incontro del 12 settembre dei presidenti dei Paesi del G7 sul cambiamento climatico. “Sul cambiamento climatico l’Ue si è posta un obiettivo ambizioso: entro il 2050 vogliamo essere un continente a zero emissioni di carbonio. Vogliamo cambiare, vogliamo concentrare tutti i nostri sforzi nel raggiungimento di questo obiettivo e il Green Deal rappresenta la nostra occasione. Durante la crisi del Covid-19 abbiamo capito che tutte le nostre energie, tutti gli sforzi dei nostri Stati devono essere indirizzati al raggiungimento dei nostri obiettivi comuni”. E ancora: “La trasformazione ecologica deve andare di pari passo con la sostenibilità economica e sociale e la lotta alle diseguaglianze. Il calcolo del Pil così come lo abbiamo conosciuto finora non è più sufficiente. Dobbiamo sapere che la crescita non può essere infinita, che nel calcolare il benessere del pianeta o anche di una sola nazione va misurata la formazione, la sostenibilità sociale e la riduzione delle disuguaglianze”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *