La Laudato sì in città, prima tappa sabato 1 agosto a Porto D’Ascoli

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Mlac – Foto di Repertorio

DIOCESI – Si terrà sabato 1 agosto alle 19:00 il primo dei tre incontri dell’iniziativa del Movimento lavoratori di Azione Cattolica, con l’Azione Cattolica diocesana di San Benedetto del Tronto, “la Laudato sì in città” un percorso a tappe di lettura della lettera enciclica di Papa Francesco, nel quinto anniversario della sua pubblicazione. Lo sfondo della prima tappa della lettura della “Laudato sì in città” sarà dalla pinetina dell’incrocio tra Via Mare e Via Scarlatti a Porto d’Ascoli, vicina alla zona di Area Mare.
La lettura dell’Enciclica di papa Francesco sarà curata da Daniele Vittori, attore, insieme al gruppo del Mlac. Nel rispetto delle norme Covid l’evento potrà essere seguito in diretta streaming Facebook alla pagina Mlac San Benedetto del Tronto e instagram, le indicazioni in www.azionecattolicasbt.com.
L’iniziativa inserisce nel percorso di sensibilizzazione e di riflessione proposto dal Movimento lavoratori sui temi della Laudato si sulla cura della casa comune per la vita della nostra città. Lo stesso Papa Francesco ci invita a riflettere nella Laudato si’ ricordando che è opportuno preservare spazi nei quali si evitino interventi umani che li modifichino continuamente. “Ogni intervento nel paesaggio urbano dovrebbe infatti considerare come i diversi elementi del luogo formino un tutto” e continua “che le diverse parti di una città siano ben integrate”. Gli abitanti dovrebbero avere una visione di insieme perché, afferma il papa “non si addice ad abitanti di questo pianeta vivere sempre più sommersi da cemento, asfalto, vetro e metalli, privati del contatto fisico con la natura”.
L’attenzione è rivolta all’Ecologia integrale, proposta dal papa Francesco, che come associazione riteniamo necessario possa essere la via anche per le scelte che riguardano la nostra città. Il Mlac e l’Ac si augurano che l’ascolto delle parole della Laudato sì siano un segno di responsabilità verso la nostra città. Un invito a riflettere insieme sugli impatti delle scelte urbanistiche da fare, considerare gli aspetti non solo economici, ma ambientali, di salute, culturali, sociali che influiscono sulla qualità della vita di tutti. Un invito a ricordare con il papa che tutto è connesso e dobbiamo averne cura.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *