Televisione: Padre Pio Tv, un programma sui santi e i loro territori

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Recuperare la devozione popolare degli eventi di piccoli e grandi comuni italiani tradizionalmente legati a un santo, che ancora oggi fanno comunità e nutrono la cultura, il folclore e la biodiversità economica locale. È questo l’asset di “Santi Comuni”, il neonato programma televisivo firmato dalla giornalista Renata Cantamessa e prodotto dalla società Tgevents Television, in onda su Padre Pio Tv che ogni domenica, partendo da un santo cui è legato un territorio, lo racconta nella sua integrità attraverso interviste e testimonianze esclusive.
Uno storytelling corale tra ricordi, momenti live e collegamenti locali e internazionali per valorizzare la comunità locali italiane attraverso la forza delle tradizioni, del turismo religioso e dell’economia agroalimentare e artigianale.
Un format che, già a partire dal titolo, rivela una duplice lettura, interpretando “Santi” come sostantivo e “Comuni” come aggettivo e viceversa. Un escamotage letterario atto ad esprimere l’intento di raccontare da un lato il made in Italy dei Santi locali, depositari di un’eredità sociale profonda che ancora oggi accompagna piccoli e grandi territori nella vita di tutti i giorni; dall’altro, quello dei comuni “santi”, cioè di quelle realtà dove la presenza di molto forte di un santo (o beato) influenza ancora fortemente la devozione, il folclore e l’economia locale.
“Santi comuni” si candida così come il nuovo viaggio settimanale attraverso l’Italia dei santi e dei talenti con la guida di Marco Dottore, organizzatore e presentatore di eventi, e Renata Cantamessa, nuova voce narrante del made in Italy di fede e agricoltura di Padre Pio Tv.
La trasmissione, lanciata lo scorso 5 luglio in orario di punta con il consenso di 300mila spettatori, per tutte le quattro domeniche di luglio presenterà un focus su Villanova d’Asti (Piemonte) incentrato sul santuario della “Madonnina”, sulla recente presenza della reliquia di San Charbel (noto come il Padre Pio libanese) e sui due grandi appuntamenti del calendario delle manifestazioni locale come l’infiorata e la fiera della gallina bionda.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *