Il Vescovo Carlo Bresciani ha incontrato cinque coppie di fidanzati prossimi al matrimonio

Condividi questo articolo sui social o stampalo

DIOCESI – Nella serata di domenica 5 luglio presso il Centro Pastorale di via Pizzi il Vescovo Carlo Bresciani ha incontrato 5 coppie di giovani fidanzati che nei prossimi mesi celebreranno il Sacramento del Matrimonio e ha parlato con loro della relazione fra uomo e donna e della generatività. Si è trattato dell’ultimo di una serie di incontri organizzato dall’Ufficio di Pastorale Familiare e guidati da coniugi Marco e Anelide Mori e Maurizio e Rita Di Giacomo.

Durante il percorso in preparazione al Matrimonio ai fidanzati sono stati proposti vari spunti di riflessione attraverso diversi incontri: Chi è Dio per te? (tenuto da Marco Mori), il senso della vita alla luce dell’insegnamento di Gesù (coniugi Maurizio e Rita Di Giacomo), l’uscita dal nucleo familiare d’origine e la creazione di una nuova unità familiare (coniugi Riccardo e Federica Coccia), comunicazione e conflittualità nei rapporti interpersonali della coppia (Dott.ssa Emilia Collina), il matrimonio come dono e responsabilità alla luce delle Sacre Scritture (Don Lorenzo Bruni), gli impegni derivanti dal matrimonio: unicità, fedeltà e indissolubilità (Don Armando Moriconi), il perdono e la misericordia nel rapporto di coppia (Don Pino Raio), la liturgia del matrimonio (don Ulderico Ceroni), la sessualità come relazione (Dott. Carlo Di Biagio).

Al termine dell’incontro i fidanzati hanno ricevuto l’attestato di partecipazione al corso e un’icona della Sacra Famiglia. Il corso è finito, ma continua verso le coppie, come hanno ricordato i coniugi Mori, l’accompagnamento spirituale dell’Ufficio di Pastorale Familiare, che mi manifesta sia attraverso l’amicizia nata fra le coppie e l’equipe diocesana, sia attraverso la disponibilità all’ascolto e al sostegno spirituale dopo la celebrazione del Matrimonio. Sono molte infatti le coppie che sono rimaste in contatto che hanno avvertito il bisogno di mettere in rete la propria esperienza di famiglia e di non vivere in modo isolato rispetto alla comunità cristiana.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *