Don Patrizio Spina: “Preghiamo Maria, Stella del Mare, affinché ci aiuti a ritrovare la bussola in questo momento difficile”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Le periferie verso il porto sicuro della Madonna ‘Stella Maris’“. E’ stato scelto questo titolo per la veglia di preghiera che, giovedì 23 luglio, alle ore 21.15, caratterizzerà la cattedrale Santa Maria della Marina, nell’ambito dei festeggiamenti per la Vergine, tanto cara alla marineria sambenedettese.

Il senso di quel titolo ci viene spiegato dal parroco, Don Patrizio Spina: «Sono periferie esistenziali. A volte, quando uno non è sempre in pace, o sereno, si dice che ha perso la bussola. Io vedo in questa Festa della Marina un ritrovare la bussola, grazie alla Vergine Maria. Chi è che ha perso la bussola? – si chiede il sacerdote – Tutti noi che affrontiamo delle difficoltà, anche a causa del Coronavirus. Pensiamo ad esempio alle persone che hanno avuto o continuano ad avere problemi economici a causa della perdita del proprio lavoro. Ai nostri pescatori ed a tutto il settore turistico».

Per tutti, verrà invocato l’aiuto di Maria, Stella del Mare. «Questo è un titolo dato alla Vergine Maria come punto di riferimento certo – dice ancora Don Patrizio -. A volte ci si perde. Senza voler dare giudizi morali: non ci siamo persi per una nostra responsabilità, o non soltanto. A volte ci si perde perché ci si perde. Punto. Lì serve la forza di ritrovarsi e quella forza può darcela la nostra Stella del Mare. In questo senso, la periferia non è una distanza geografica, una distanza da un posto. Ma una distanza da noi stessi. Dunque la preghiera che vogliamo fare in questa Festa della Marina è per riprendere la bussola della nostra esistenza».

Con questi presupposti, si prevede davvero un’intensa serata per il 23 luglio. La veglia, come detto, è inserita nel programma ufficiale delle celebrazioni 2020. Noi de L’Ancora avevano già svelato alcuni aspetti di queste celebrazioni. Ora si scoprono tutti i dettagli. Il programma del cartellone religioso inizia domenica 19 luglio. Alle ore 21.15, all’interno della basilica-cattedrale, è previsto il Concerto in onore della Madonna della Marina. Si esibirà Orchestra d’archi dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese, diretta dal maestro Federico Paci. Causa norme anti-Covid19, l’ingresso massimo è fissato a 130 persone. Si potrà entrare gratuitamente fino ad esaurimento dei posti disponibili.

I riti religiosi entrano nel clou sabato 25 luglio: alle ore 18, dal porto (Banchina di Riva Malfizia) parte la processione in mare aperto della flottiglia peschereccia sambenedettese, con la tradizionale benedizione del mare ed onoranze ai Caduti nello specchio antistante il Santuario di San Francesco di Paola. Alle 19 (dopo il rientro dalla processione in mare, presso il piazzale Pinguino, dietro la Capitaneria di porto) è prevista la celebrazione della Santa Messa presieduta dal Vescovo Carlo Bresciani.

L’indomani, domenica 26 luglio, l’omaggio alla Vergine Maria tocca il culmine. Alle ore 18.30, dalla Banchina Malfizia, è prevista la Benedizione del Porto di San Benedetto del Tronto, col successivo inizio della Solenne Processione verso la cattedrale con la venerata immagine della Madonna della Marina. Insieme a tutte le corporazioni marinare, monsignor Bresciani guiderà il corteo religioso per le seguenti vie: Faliero, Colombo, Fiscaletti, Gramsci, Galilei, San Martino, Pizzi e Piazza Nardone. Presente la Banda musicale “Città di San Benedetto del Tronto”. Alle ore 19.30, sul sagrato della cattedrale: Celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo. Al termine, Benedizione Papale e consegna del Palio “Madonna della Marina 2020”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *