Monteprandone, lunedì parte Piceno d’Autore 2020

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Lunedì 6 luglio parte l’undicesima edizione di Piceno d’Autore 2020, in piazza dell’Aquila, nel Centro Storico di Monteprandone. 

L’ingresso è gratuito ma è obbligatoria la prenotazione, nel rispetto delle norme anti-covid, attraverso un form presente sul sito www.picenodautore.it visto che i posti disponibili sono massimo 150.

L’ufficio stampa del Comune di Monteprandone ricorda che sono tre le serate previste e si terranno dal 6 all’8 luglio.

Il tema scelto è “Essere e pensare. Il potere della mente”, con particolare attenzione al psicologia dell’infanzia e dell’adolescenza. Si partirà lunedì 6 luglio con la psicopedagogista e psicoterapeuta Maria Rita Parsi.  “Manifesto contro il potere distruttivo” è il nome dell’incontro, coordinato dallo psicologo Maurizio Tremaroli. Martedì 7 luglio sarà la volta del medico e psicoterapeuta Alberto Pellai il quale proporrà una riflessione sui tabù e come parlare con i bambini dei temi più difficili attraverso l’educazione emotiva. Coordina il dr. Marco Giri, primario di psichiatria dell’Asur Area Vasta 5. La rassegna si chiuderà mercoledì 8 luglio con la psicopedagogista Barbara Tamborini che presenterà il libro “La mamma di Attila”.

L’incontro sarà coordinato da Francesco Ruiz, psicologo e counselor.

L’evento è organizzato dal Comune di Monteprandone, dall’associazione “I Luoghi della Scrittura”, dalla libreria “Libri ed eventi”, con il patrocinio e il contributo di Regione Marche e Bacino Imbrifero del Tronto, con il patrocinio dell’Associazione librai italiani (Ali) e della Fondazione Movimento Bambino onlus, con il sostegno delle aziende private GLS-Picena Express, Teknonet, Picena Zinc che hanno aderito all’ArtBonus, un credito d’imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo. In collaborazione con Mia Arredamenti e in partnership con Astrelia.

Si ringraziano B&B Palazzo Mestichelli, Ristorante San Giacomo, Dimora di Bacco e 1887.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *