Servizi ambientali, potenziato il ritiro ingombranti

Condividi questo articolo sui social o stampalo

GROTTAMMARE – Dopo la momentanea sospensione, riprende anche l’attività di ritiro ingombranti a domicilio con un servizio potenziato da 1 a 2 volte alla settimana. Oltre al consueto mercoledì, anche il giovedì sarà un giorno utile per disfarsi di quei rifiuti non contemplati nei circuiti della raccolta ordinaria.
Il servizio di ritiro ingombranti è gratuito e si svolge su prenotazione, chiamando il numero 0735.739227 o recandosi allo sportello dell’ufficio Protocollo. L’attività di ritiro è gestita dalla Picenambiente spa.

Conseguentemente a ciò, a partire dal 1° giugno, la Ricicleria comunale tornerà ai consueti giorni di apertura del martedì e sabato (orario 9-12), che in precedenza erano stati ampliati per sopperire alla sospensione del servizio di ritiro ingombranti, disposto nelle settimane più critiche del lockdown.
Confermati giorni e orari dell’ Ecosportello attivo al piano terra del Palazzo municipale: mercoledì 9-12, giovedì 15-17, sabato (2° e 4° del mese) 9-12.

Intanto, seguendo i suggerimenti dell’OMS, l’Amministrazione ha deciso di trasformare il terzo intervento di sanificazione anti Sars-Cov-2 degli spazi aperti (programmato alla fine di questa settimana) in un trattamento antizanzare straordinario, ad integrazione del Programma annuale che prevede, a questo punto, l’esecuzione di 12 interventi adulticidi, 4 antilarvali, 2 disinfestazioni straordinarie e 5 derattizzazioni sul territorio comunale e all’interno degli edifici scolastici.

“Dopo la nota dell’OMS, abbiamo subito chiesto alla ditta di convertire il trattamento di sanificazione con un trattamento di disinfestazione straordinario aggiuntivo a quello previsto dal capitolato, in quanto il pagamento delle sanificazioni era già stato effettuato – rende noto l’assessore alla Sostenibilità, Alessandra Biocca -. Pertanto, per questo anno, saranno effettuate due disinfestazioni straordinarie, anziché una, sempre nel rispetto dell’ambiente e per le quali la cittadinanza sarà avvertita”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *