Coronavirus. L’India prolunga la chiusura, altre 1.800 vittime negli Usa

Condividi questo articolo sui social o stampalo

da Avvenire

Il gigante asiatico ha registrato 2.293 nuovi casi di contagio, secondo l’ultimo dato reso noto, segnando il maggior incremento giornaliero di Covid-19. Il totale dei casi nel Paese è a 37.366 e i decessi sono 1.218. Nel frattempo gli oltre 1,3 miliardi abitanti restano rinchiusi in casa per rispettare le misure di confinamento. Il Paese ha deciso di prolungare di due settimane il lockdown in scadenza il 3 maggio, consentendo però alcuni allentamenti delle misure restrittive per alcune aree meno colpite e per alcune attività. Non sarà ancora consentita gran parte degli spostamenti con aerei, treni, auto e metropolitane tra i diversi stati. Restano vietati gli assembramenti con più di quattro persone. Chiuse università, scuole, luoghi di culto, teatri e centri commerciali. Introdotta la distinzione in zone verdi (nessun contagio nelle ultime tre settimane) e zone arancioni e zone rosse.

Negli Usa la situazione continua a essere drammatica. Sono 1.883 i morti legati alla pandemia di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore, in leggero calo rispetto ai giorni precedenti. Lo evidenziano i dati diffusi online dalla Johns Hopkins University, secondo la quale negli Usa si contano 64.700 vittime dall’inizio dell’emergenza. I casi confermati negli Usa, secondo l’Università, sono in totale 1.103.781. Sempre più in affanno, il presidente Donald Trump ha fatto sapere di sperare che il numero totale di decessi da Covid-19 negli Stati Uniti sarà inferiore a 100.000. Ma anche quello, ha riconosciuto, è un «numero orribile». Le previsioni di Trump sul previsto bilancio delle vittime negli Stati Uniti sono cambiate nel tempo e ha ripetutamente utilizzato stime elevate per sostenere che le azioni della sua amministrazione, in particolare la sua decisione di limitare i viaggi dalla Cina, hanno salvato vite umane. Le sue azioni sono state contestate da funzionari statali, locali e di sanità pubblica che hanno denunciato la carenza di forniture per test e attrezzature di sicurezza per medici e infermieri.La Casa Bianca ha impedito ad Anthony Fauci, massimo virologo americano e membro della task force dell’amministrazione Usa sul coronavirus, di essere audito la prossima settimana alla Camera, controllata dai democratici. Lo speaker della commissione per gli stanziamenti della Camera, Evan Hollander, ha dichiarato che l’organo ha cercato Fauci per un’audizione, ma è stata negata. Hollander ha riferito che un funzionario amministrativo li ha informati che la testimonianza di Fauci è stata bloccata dalla Casa Bianca.

I casi accertati sono 1.506.853 mentre le vittime sono 140.260. Nel mondo i contagi sono 3.350.224 e le vittime 238.334. In Europa la Spagna è il Paese con più contagi, 215.216, e 24.824 morti. L’Italia ha invece 207.428 casi accertati ed è il paese con il maggior numero di vittime, 28.236. In Gran Bretagna i contagi registrati sono 177.454 e i decessi 27.510, mentre la Francia conta dall’inizio dell’epidemia 167.346 malati e 24.594 morti. C’è poi la Germania, con 161.703 casi accertati e 6.575 vittime.

La Cina ha registrato ieri un solo nuovo caso accertato di contagio da Covid-19, risultato peraltro importato: la Commissione sanitaria nazionale (Nhc), che ha escluso ulteriori decessi, ha segnalato 20 asintomatici, saliti così a totali 989, tutti sotto osservazione medica. Le infezioni complessive si sono attestate a 82.875, di cui 557 pazienti ancora in cura, 77.685 guariti a 4.633 decessi. I casi importati, tra le fonti di maggior timore in relazione a una seconda ondata di contagi, sono saliti a 1.671, di cui 1.207 risoltosi con la guarigione e 464 sotto trattamento medico, comprensivi di 7 casi in gravi condizioni.

 

 

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *