Domenica delle Palme senza ulivo? Ecco come fare, le indicazioni dei Vescovi

Condividi questo articolo sui social o stampalo

palmeDa Avvenire di Antonella Mariani

Una Domenica delle Palme senza chiesa e senza… palme, cioè senza i tradizionali e tanto amati ramoscelli d’ulivo, simbolo della fede e memoria dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme. Un segno che anche chi non crede apprezza, gradisce ed espone volentieri nei propri ambienti di vita. Ma anche nelle restrizioni attuali l’ulivo può essere ugualmente parte di questa Domenica che introduce la Settimana Santa, anche se proprio di ulivo non dovesse trattarsi, se non si dispone di un albero a portata di mano. La Conferenza episcopale italiana nel suo Sussidio per le famiglie parla chiaramente di «rami d’ulivo, di palma o di altra pianta verde». Un’indicazione che vale per la partecipazione a distanza alla liturgia delle Palme e per il valore simbolico del ramo in sé, che dev’essere dunque parte di una «pianta verde», quale che sia, e non – per questo uso specifico – un disegno o un oggetto.

In questa settimana pasquale, così come ogni giorno di questi tempi così difficili di isolamento, le nostre case sono Chiesa, come ha detto il vescovo di Brescia, monsignor Tremolada, nel suo toccante videomessaggio alla diocesi (GUARDA QUA). E questa, nel dolore ma anche nella certezza della Risurrezione, sarà comunque una “Pasqua che non potremo dimenticare”.

Per aiutarci a ricordare il tempo dell’anno che stiamo attraversando, c’è chi ha penato di aiutare a realizzare ramoscelli d’ulivo o palme in casa, accanto ai bambini, con carta e pennarelli. Lo insegna un tutorial pubblicato su Facebook il 31 marzo dalla parrocchia romana di San Tommaso Moro. “È possibile colorarle, metterle sulle porte o sul balcone. Le palme saranno benedette all’inizio della liturgia di domenica” (delle Palme, ndr), spiega il post, liturgia che ai fedeli sarà possibile seguire sui canali social.

Se l’intenzione è più semplicemente abbellire la casa con simboli propri del tempo pasquale, e nello stesso tempo spendere un po’ di tempo con i figli in questa lunghissima quarantena, online si trovano decine di siti di “lavoretti” che propongono coroncine di Pasqua o uova colorate. Qui noi segnaliamo in particolare l’articolo di Aleteia, che spiega nel dettaglio come creare, con semplici fogli di carta, colori e forbici, dei bellissimi ramoscelli di ulivo da appendere alle finestre e dai balconi.

Tornando al sussidio che la Cei ha messo a disposizione “per fare della propria casa un luogo di preghiera e di celebrazione” (SCARICA QUI), il testo suggerisce l’utilizzo accanto a rametti d’ulivo (o di una pianta verde) di un crocifisso e di una lampada. Lo schema prevede una introduzione, la recita di alcuni Salmi e poi la proclamazione del Vangelo di Matteo che parla dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme. Al termine una preghiera a più voci e l’invocazione finale della «benedizione del Padre». Presente anche una meditazione da leggere dopo il Vangelo.

“Un membro della famiglia – si legge nelle pagine dedicate alla liturgia domestica nella domenica degli Ulivi – porta sul tavolo il vaso con i rami d’ulivo, di palma o di altre pianta verde. Colui che guida la celebrazione dice la seguente preghiera.

Dio onnipotente ed eterno,
attraverso un ramo di ulivo
hai annunciato a Noè e ai suoi figli
la tua misericordia e l’alleanza con ogni creatura,
e attraverso rami di alberi
hai voluto che tuo Figlio Gesù
fosse acclamato Messia,
Re di pace, umile e mite,
venuto per compiere l’alleanza definitiva:
guarda questa tua famiglia
che desidera accogliere con fede
il nostro Salvatore
e concedici di seguirlo fino alla croce
per essere partecipi della sua risurrezione.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen”

In questo contesto, come si vede, non c’è spazio per palme o ulivi fai-da-te, ma sarà facile, come detto, trovare in casa una pianta verde di qualsiasi specie per la celebrazione domestica.

Per quanto riguarda le Messe di Arcivescovi e vescovi e dei presbiteri, la Conferenza episcopale nella linee guide pubblicate nei giorni scorsi (LEGGI QUI) spiega che «gli Arcivescovi e i Vescovi, nelle Cattedrali, presiederanno la celebrazione eucaristica con il rito della benedizione dei rami di ulivo e la processione introitale alla Messa (seguendo la forma del Messale Romano cioè senza la processione solenne all’esterno della chiesa). Nelle chiese parrocchiali i presbiteri presiederanno la celebrazione commemorando l’ingresso del Signore in Gerusalemme in forma semplice (terza forma del Messale Romano), senza benedizione dei rami e senza solenne processione introitale alla Messa».

Disposizioni arrivano dai vescovi. Nei giorni scorsi con una lettera inviata ai sacerdoti, il vicario generale della diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino, don Jean Claude Hazoumé Kossi Anani, ha spiegato che, per quanto riguarda “i ramoscelli di ulivo della Domenica delle Palme, la Conferenza episcopale umbra non ritiene prudente, date le doverose precauzioni igieniche e la difficoltà di distribuzione, che siamo noi a prepararli e inviarli”. L‘ulivo “sarà benedetto a distanza per chi se li procura da sé, unendosi alla messa parrocchiale o alla messa del vescovo attraverso i mezzi di comunicazione disponibili”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *