La generosità delle imprese di Montelparo verso le persone bisognose

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Di Giuseppe Mariucci.

MONTELPARO – In questo periodo,mentre gli appelli a rimanere dentro alle nostre abitazioni e le paure del Covid-19 la fanno da padrone, i gesti di solidarietà hanno un grande valore. È per questo che vogliamo qui riferire di quanto, i ragazzi della Protezione Civile di Montelparo, sono stati protagonisti. Li abbiamo già citati in un precedente servizio per quanto impegno stanno mettendo senza sosta per essere il più vicino possibile alla popolazione chiusa in casa (consegnano mascherine, medicinali, beni alimentari ecc.).

E qui scatta l’evento straordinario! Molti artigiani, commercianti, agricoltori, ecc., colpiti e grati di questa volontaria dedizione, hanno voluto ricambiare con l’offerta di loro prodotti da destinare a chi ne avesse bisogno: ortaggi, pacchi di pasta, salumi e tantissima pasta all’uovo! L’auto con la quale si recavano presso le famiglie si è trovata via via e all’improvviso stracolma di ogni ben di Dio! Era così piena che la persona che accompagnava il guidatore si è visto sempre più ridurre lo spazio facendolo quasi diventare un contorsionista per potervi restare. Una volta a Montelparo, e su preziosa indicazione del Piore -Parroco Padre Emanuele, si sono diretti verso la Caritas Diocesana di San Benedetto del Tronto. Qui grande meraviglia e apprezzamenti! Considerata la grande quantità si decideva di destinarne una parte anche alla Parrocchia del Sacro Cuore di Centobuchi di Monteprandone retta da Don Gianluca Pelliccioni già parroco di Montelparo e padre spirituale del Gruppo Comunale di questo paese.

Tutto questo ha destato molta emozione e gratitudine soprattutto per la spontaneità, solidarietà e naturalezza con cui si è verificato! In questo particolare momento storico, dove abbiamo compreso i valori importanti delle nostre vite, poter contare sulla incredibile solidarietà di aziende, artigiani,commercianti, agricoltori e di tantissimi altri, che donano il frutto del loro lavoro a chi dedica giornalmente ai più bisognosi, ai poveri, ai diseredati, ai senza dimora, ci dà fiducia per un futuro che, necessariamente, dovrà essere differente!

Condividi questo articolo sui social o stampalo

1 commento

  • Sergio     31 marzo 2020 alle 17:29     Permalink

    Ottimo e mille grazie. Sergio

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *