Coronavirus Covid-19: 51 medici morti

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Sale a 51 il numero dei medici caduti sul campo nella lotta all’epidemia di Covid-19, ma sono 6.205 gli operatori sanitari (medici, infermieri e Oss) contagiati.

Ad aggiornare quello che sembra un vero bollettino di guerra è la Fnomceo (Federazione nazionale ordini medici chirurghi e odontoiatri) in una sezione dedicata del sito e listata a lutto. E il presidente nazionale Filippo Anelli scende in campo con una lettera-appello pubblicata sul British Medical Journal, sottolineando che “l’inadeguatezza del modello ospedalo-centrico per far fronte ad epidemie di questa portata si è resa evidente dopo la chiusura di interi ospedali in Italia per la diffusione dell’infezione tra medici, infermieri e pazienti”. Quella contro il coronavirus Covid-19 è una battaglia da vincere sul territorio. Anelli parla di “dati peggiori di quelli registrati in Cina che si è fermata a 3.300 sanitari contagiati e 23 decessi” e afferma: “È lecito supporre che questi eventi sarebbero stati in larga parte evitabili se gli operatori sanitari fossero stati correttamente informati e dotati di sufficienti dispositivi di protezione individuale adeguati: mascherine, guanti, camici monouso, visiere di protezione, che invece continuano a scarseggiare o ad essere centellinati in maniera inaccettabile nel bel mezzo di un’epidemia a cui pure l’Italia si era dichiarata pronta solo a fine due mesi fa”.
Di qui l’appello lanciato dalle colonne del Bmj nel quale il presidente Fnomceo definisce “errore fatale” l’assenza negli ospedali di percorsi dedicati esclusivamente al coronavirus “quanto ad accesso, diagnostica, posti letto e operatori sanitari.”. Nessuna epidemia, avverte, “si controlla con gli ospedali, come si è forse erroneamente immaginato: è sul territorio che va espletata l’identificazione dei casi con test affidabili ma anche con rapidi kit di screening e la sorveglianza con la tracciabilità dei contatti, il monitoraggio e l’isolamento”. Fondamentale “sbloccare immediatamente e senza ritardi le forniture di dispositivi di protezione individuale ” ed “eseguire test di screening a risposta rapida in maniera sistematica per lo meno a tutti gli operatori sanitari operanti nel pubblico e nel privato – inclusi i medici di medicina generale e operatori di case di riposo o Rsa, centri diurni – che mostrano sintomi di infezione da Covid-19 (anche lieve e in assenza di febbre) o che sono stati in contatto con casi sospetti o confermati”. Uno screening che “deve avvenire mediante test a risposta rapida validati, registrati presso il ministero della Salute italiano” e che “dovranno essere confermati eseguendo tamponi faringei” due volte alla settimana. “Soltanto così – conclude Anelli – si potrà finalmente avviare, sia pure in ritardo, una fase più controllata dell’attuale andamento epidemico”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *