Biancazzurro, Vescovo Carlo: “Il senso del Natale? Non luminarie o panettoni, ma attenzione agli ultimi”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Il coro che ha animato la funzione

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Il senso del Natale sta nel saper guardare agli ultimi, così come ci ha insegnato Gesù: venendo al mondo in una stalla». Lo ha detto il vescovo, monsignor Carlo Bresciani, celebrando messa presso il Biancazzurro, affiancato dal diacono Giovanni Vai. Una bella funzione, organizzata per i Centri diurni: punto di riferimento per tante persone diversamente abili e per le loro famiglie.

La funzione, officiata nella mattinata di venerdì 13 dicembre, è stata l’occasione per uno scambio d’auguri, in previsione dell’ormai imminente Natale. Un Natale in cui, ha ricordato monsignor Bresciani nella sua omelia, Gesù non sceglie il primo posto. «Quella grotta, quella stalla, non era il primo posto, ma l’ultimo – ha ribadito il vescovo -. Qui c’è un insegnamento grande. E se non cogliamo questo insegnamento, rischiamo di stravolgere completamente il senso del Natale. Questo avvenimento diventa solo belle luci, panettone, festa, consumi. Tutto questo non è un male in sé, ma il Natale non è quello. Natale è Gesù che viene, prende l’ultimo posto per dire anche a noi che dobbiamo saper guardare all’ultimo posto. Se non c’è questo, il Natale non c’è più».

Commentando sempre il Vangelo del giorno, il vescovo Carlo ha sottolineato l’importanza di mettere in pratica, con azioni concrete, l’amore insegnatoci da Dio. Una cosa da fare ognuno in base alle proprie possibilità. Insomma, anche “poco”, l’importante è che sia “bene”: «I piccoli granelli costruiscono le grandi montagne», ha rimarcato Bresciani. Rimanendo sempre nel solco del Vangelo di Matteo, il vescovo ha esortato a seguire l’insegnamento d’amore datoci dal Signore senza ascoltare chi (per gelosia o invidia) tenta di dire che quel che facciamo è sbagliato o inutile.

Quello svoltosi nella giornata di Santa Lucia, insomma, è stato un bel momento di fraternità. «Anche quest’anno il Biancazzurro si è aperto alla cittadinanza attraverso la celebrazione della Santa Messa di Natale – fa sapere il Centro tramite la propria pagina Facebook -. Questa è l’occasione per arricchirci spiritualmente, grazie al Vescovo, e di rinnovare l’accoglienza, l’abbraccio, il sorriso…il Biancazzurro ringrazia le famiglie e tutti coloro che si sono uniti a questa festa».

«E’ stato un bel momento, con tutte le associazioni che si prendono cura dei diversamente abili – ha detto il vescovo, a margine della messa -. Un momento tradizionale che è bene mantenere ed è vissuto sempre con molta intensità, per questo mi fa davvero piacere poterlo celebrare».

Ascolta l’omelia integrale del vescovo Carlo cliccando qui

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *