Papa Francesco: a giovani imprenditori francesi, conciliare mercato e messaggio evangelico “non è un’utopia”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

VATICANO – “Non è facile, nel quotidiano, conciliare le esigenze della fede e l’insegnamento sociale della Chiesa con le necessità e i vincoli imposti dalle leggi del mercato e della globalizzazione. Ma ritengo che i valori evangelici che volete attuare nel dirigere le vostre aziende, come pure nelle molteplici relazioni che intrattenete nel quadro delle vostre attività, siano l’occasione di una genuina e insostituibile testimonianza cristiana”. Lo ha detto il Papa, ricevendo ieri in udienza una delegazione di giovani imprenditori francesi. “Non è mai stato facile essere cristiani e avere gravi responsabilità”, ha ammesso Francesco, ma “il messaggio evangelico, un messaggio apparentemente debole rispetto alle potenze mondane del potere e del denaro, non è un’utopia”: “con la forza dello Spirito Santo e il sostegno della fede di coraggiosi discepoli missionari, può diventare realtà, una realtà sempre incompiuta, certo, e da rinnovare”. “ I conflitti di coscienza nelle decisioni quotidiane che dovete prendere sono – immagino – numerosi”, ha detto il Papa: “Da un lato, la necessità che vi è imposta – spesso per la sopravvivenza delle aziende, delle persone che vi lavorano e delle loro famiglie – di conquistare mercati, aumentare la produttività, ridurre i ritardi, ricorrere agli artifici della pubblicità, incrementare i consumi; e d’altra parte le esigenze sempre più urgenti di giustizia sociale, per garantire a ciascuno la possibilità di guadagnarsi da vivere dignitosamente. Penso alle condizioni di lavoro, ai salari, alle offerte di impiego e alla loro stabilità, nonché alla protezione dell’ambiente”. “Come vivere questi conflitti nella serenità e nella speranza, mentre l’imprenditore cristiano è a volte portato a mettere a tacere le proprie convinzioni e i propri ideali?”, si è chiesto Francesco, che ha citato la Gaudium et spes a proposito del ruolo dei laici e della loro “responsabilità”, da assumere “alla luce della sapienza cristiana e facendo attenzione rispettosa alla dottrina del magistero”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *