Albania, Caritas: non raccogliere alimenti, vestiti, coperte o kit igienici

Condividi questo articolo sui social o stampalo

ALBANIA

COMUNICATO DELLA CARITAS

La situazione

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.4, la più forte registrata nel paese da decenni a questa parte, ha colpito alle 3,54 del 26 novembre scorso l’Albania. La scossa principale, a cui ne sono seguite oltre cento di assestamento avvertite in tutti i Balcani, ha avuto l’epicentro tra Shijak e Durazzo, poco lontano dalla costa, e ha fatto tremare anche la capitale Tirana. Le città più colpite sono Durazzo, la seconda città del paese e Thumanë, a 40 km a Nord di Tirana. Molti gli edifici crollati e numerosi quelli danneggiati gravemente. Danni si sono registrati in molte città dell’Albania, oltre Durazzo, tra cui Kruje, Lezhe, Tirana, Lac, Lushnje e Fier. Il numero dei feriti e delle vittime da subito si è mostrato destinato ad aumentare.

La Caritas Albania si è attivata immediatamente organizzando due squadre di lavoro per effettuare visite sul campo, in alcune delle aree più colpite sin dalla prima mattinata in particolare nella periferia di Tirana, Durazzo e Thumanë.

A seguito della richiesta del Ministero dell’interno ed in rete con le altre organizzazioni internazionali sta procedendo alla distribuzione di cibo, coperte, acqua e kit igienici per gli sfollati nei diversi campi alloggio menzionati sopra e nelle parrocchie.

Caritas Italiana ha espresso vicinanza e solidarietà a Caritas Albania con cui collabora dal 1993 per dare risposta ai tanti bisogni della popolazione locale, segnata da una povertà diffusa, un alto tasso di disoccupazione, soprattutto giovanile e una forte emigrazione. Gli ambiti di lavoro principali sono: migrazioni, economia sociale, sanità, salute mentale e inclusione sociale, volontariato e giovani.

Caritas Italiana è presente in Albania in questa fase con due operatori in loco e sta lavorando a fianco degli operatori di Caritas Albania per sostenerla sia nel monitoraggio dei bisogni e organizzazione della distribuzione degli aiuti, sia nel coordinamento delle Congregazioni italiane e Diocesi che si sono attivate e che chiedono informazioni sui bisogni della popolazione.

Si richiede di:

 Non raccogliere alimenti. Attualmente non servono.

 Non raccogliere vestiti o coperte o kit igienici sino a che non sarà più chiaro come le autorità locali intendono organizzare le attività di soccorso per le famiglie.

 Non partire senza preavviso sulla scia della commozione per l’evento e gli avvenimenti. Qualora si manifestino disponibilità di servizi per volontari, svilupperemo dopo questa primissima fase emergenziale una serie di proposte e di contatti di realtà all’interno delle Diocesi colpite che necessiteranno di aiuto.
È possibile sostenere gli interventi di Caritas Italiana (Via Aurelia 796 – 00165 Roma), utilizzando il conto corrente postale n. 347013, o donazione on-line a questo link, o bonifico bancario (causale Albania/Terremoto novembre 2019) tramite:

• Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma –Iban: IT24 C050 1803 2000 0001 3331 111
• Banca Intesa Sanpaolo, Fil. Accentrata Ter S, Roma – Iban: IT66 W030 6909 6061 0000 0012 474
• Banco Posta, viale Europa 175, Roma – Iban: IT91 P076 0103 2000 0000 0347 013

La Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana ha destinato dai fondi dell’8xmille € 500.000 alle vittime del devastante terremoto che ha colpito l’Albania, con epicentro tra Shijak e Durazzo. Lo stanziamento avverrà tramite Caritas Italiana, che ne renderà conto al Servizio per gli Interventi Caritativi a favore del Terzo Mondo. Questa iniziativa, volta a rispondere alle urgenze più stringenti, sarà finalizzata a reperire in modo mirato aiuti alimentari e beni di prima necessità come vestiario, sacchi a pelo, coperte, kit per l’igiene e per i neonati. I danni sono infatti ingenti e sono moltissime le persone che non potranno rientrare nelle proprie case. Saranno predisposte strutture di accoglienza, servizi igienici, cucine da campo, alloggi adeguati per le categorie più vulnerabili.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *