Montalto delle Marche, l’incontro del Vescovo Carlo con gli studenti

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Per gli studenti del liceo classico Giulia e Vittoria

MONTALTO DELLE MARCHE – Mercoledì 20 Novembre 2019 gli studenti del Liceo Classico “G. Leopardi” di Montalto delle Marche si sono recati nella concattedrale di Santa Maria Assunta in piazza Sisto V per partecipare, come ogni anno, alla celebrazione della Santa Messa, officiata da Sua Eccellenza il Vescovo Monsignor Carlo Bresciani, insieme al parroco locale Don Lorenzo Bruni, per poter vivere un momento di comunione e preghiera. La messa è stata celebrata in greco e latino, lingue classiche, caratterizzanti gli studi liceali.
Durante la celebrazione eucaristica i giovani del coro scolastico, organizzato dal professor Oscar Chiarini per animare la Santa Messa, hanno partecipato, cantando e suonando; altri studenti hanno letto la parola di dio, (in greco e latino) e portato doni all’offertorio.
Dopo la messa c’è stato un momento di condivisione con un piccolo rinfresco organizzato dagli alunni del quinto anno, è seguita una riunione in cui il vescovo ha risposto ad alcune domande riguardo alla bioetica.

Nelle risposte Sua Eccellenza si è soffermato su degli argomenti fondamentali: innanzitutto ha chiarito che tutto ciò che concerne la vita umana dal momento del concepimento, al suo svolgimento, fino alla fine riguarda tutti gli esseri umani a prescindere dalla religione. In primo luogo parlando dell’aborto ha constatato che l’embrione è biologicamente un essere umano come tale ha il diritto di vivere.
Per quanto riguarda l’eutanasia, ha ribadito l’infinito valore della vita, che dovrebbe essere protetta e mai distrutta. Infine ricordando i suoi anni di insegnamento all’Università di Medicina, ha riferito quanto era solito dire agli studenti, ovvero di avere il coraggio di lasciar “morire” i propri pazienti solo quando ormai è evidente che qualsiasi cura allungherebbe inutilmente l’agonia. Ha concluso invitando gli alunni a vivere secondo principi giusti per arrivare a raccogliere buoni frutti, che portino ad accogliere ed apprezzare pienamente il senso della vita.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *