Fede e cultura: dal 31 gennaio torna a Roma la “via pulchritudinis”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Incontri, tavole rotonde, eventi speciali nella città, workshop su musica, spazi sacri, patrimonio artistico.

E ancora: seminari formativi, esposizioni, testimonianze, incontri b2b. Torna a Roma, culla del cristianesimo, “Via Pulchritudinis”, Expo Internazionale in cui gli approfondimenti culturali si affiancheranno agli eventi dedicati al turismo religioso, agli spazi liturgici, all’accoglienza professionale, e che convoglierà nella città eterna i principali protagonisti del settore. Un appuntamento, arrivato alla sua seconda edizione, organizzato da Fiera Roma e Fivit Srl con la collaborazione del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione. “La via della bellezza – spiega il presidente, mons. Rino Fisichella – porta con sé quel fascino che seduce l’uomo contemporaneo perché ha bisogno di andare oltre l’effimero per percepire e cogliere la grandezza del mistero”. E per aiutare chiunque a percorrere questa via, un intero padiglione di Fiera Roma dal 31 gennaio al 2 febbraio 2020 sarà messo a disposizione della nuova edizione di Via Pulchritudinis. Per tre giorni si incroceranno nei locali del polo fieristico della Capitale i protagonisti della vita culturale del mondo cattolico, espositori che presenteranno le loro ultime novità e buyer provenienti non solo dall’Europa ma da tantissime nazioni, come Canada, Messico, Nigeria, Brasile, Israele. Testimoni della bellezza racchiusa nell’esperienza cristiana saranno fianco a fianco con i produttori italiani e stranieri che si metteranno a disposizione di chi cerca nuove opportunità di crescita.  In particolare, il focus di questa seconda edizione sarà sul turismo dei luoghi d’arte e di fede e sui servizi per le collettività e gli enti religiosi, un comparto che in Italia è rappresentato da numeri importanti: 14.650 comunità religiose, 820 case generalizie, 3.000 strutture di ospitalità, 1.000 istituti religiosi e secolari, 590 monasteri, 225 diocesi, 250 seminari, 26.000 parrocchie, 2.500 santuari, 170 istituzioni culturali, 1.600 tra musei, archivi, biblioteche, 64.000 edifici di culto, 4.000.000 beni storici ed artistici, 600 enti e associazioni nazionali, 500 negozi di arte sacra. Via Pulchritudinisoffre agli operatori di questo ampio settore un’occasione unica di formazione, aggiornamento e confronto, attraverso il programma “Via Pulchritudinis Educational”, un qualificato calendario di incontri declinato sui temi dell’ospitalità, turismo religioso, enti religiosi ed ecclesiastici. Di tutto rilievo anche “iter fidei”, il workshop pensato come una borsa del turismo religioso, per mettere in comunicazione e fare incontrare tutti gli operatori professionali  del settore. Un segmento del turismo stimato in 350 milioni di visitatori mondiali di cui in 3 milioni in Italia (si calcola che , il 75% dei visitatori in Italia visiti una chiesa, santuario o attrazione religiosa durante la propria vacanza), per un totale di 8,6 milioni di presenze medie.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *