Grottammare, crollo del cornicione, verifiche su Palazzo Ravenna

Condividi questo articolo sui social o stampalo

GROTTAMMARE – Verifiche urgenti in corso a Palazzo Ravenna, dopo il distacco di parti di cornicione del lato ovest dell’immobile sede del Municipio. Il fatto è accaduto  nella serata di domenica 10 novembre, fortunatamente senza causare danni alle persone, dopo una pioggia che, provvidenzialmente, aveva allontanato i frequentatori della Fiera di San Martino, in corso di svolgimento anche nelle aree adiacenti all’immobile.

Ad occuparsi delle opere, stabilite con determina dell’area Gestione del Patrimonio, la ditta MGL Costruzioni s.r.l. di  San Benedetto del Tronto. Le verifiche consistono in:
– ispezione a vista di tutti i cornicioni, cornici e aggetti dell’edificio comunale mediante l’utilizzo di gru con cestello;
– rimozione di tutti gli elementi di cornicioni, cornici e aggetti dell’edificio comunale che dovessero ancora presentare criticità;
– eventuale messa in sicurezza di elementi instabili.

L’importo dell’intervento è valutato in complessivi 6100 €, da contabilizzarsi a misura.

Le opere in corso rispettano le disposizioni contenute nell’Ordinanza sindacale n. 124 dell’11 novembre. Sono concentrate, precisamente, sulla cornice marcapiano del piano secondo del Palazzo, facciata ovest, da dove numerosi detriti sono precipitati sui sottostanti marciapiede e parcheggio, oltre che lungo i perimetri esterni dei terrazzi a nord e a sud dell’immobile.

Sul posto è intervenuto in prima istanza il personale del Comando dei Vigili del Fuoco di Ascoli Piceno che  ha effettuato la valutazione a vista dell’edificio e i primi  interventi di messa in sicurezza, costituiti dalla rimozione delle parti pericolanti delle cornici dei marcapiano, oltre al controllo e alla verifica del cornicione del tetto.

Attualmente, come disposto nell’ordinanza sindacale, sono interdetti all’accesso sia la terrazza dello stabile nel lato sud/ovest, sia la porzione di strada in corrispondenza dei civici 65-67-69 di via Matteotti.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *