Arriva Natale, Monteprandone diventa il Borgo dei Presepi. Padre Silvio Capriotti: “Facciamone uno vivente”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MONTEPRANDONE – «Il primo presepe della storia fu un presepe vivente e lo realizzò San Francesco, a Greccio. Sarebbe molto bello se si riuscisse a rappresentare nel nostro paese la scena della Natività con personaggi veri, magari sotto il grande albero natalizio, con una donna, un uomo ed un bimbo piccolo». E’ l’auspicio lanciato da padre Silvio Capriotti (guardiano del Santuario di San Giacomo della Marca) durante la presentazione ufficiale di “Natale al Centopercento”: ricco cartellone di eventi in programma a cavallo tra 2019 e 2020.

Gli organizzatori (rappresentanti da Luigino Capriotti, tesoriere dell’associazione di commercianti ed artigiani locali “Centopercento”) hanno colto la palla al balzo, sottolineando che l’idea esternata dal religioso dà un ulteriore tocco al già vasto calendario di feste e, dunque, si cercherà di realizzarla. Questo bel “fuori-programma” potrebbe materializzarsi già domenica 1 dicembre con l’accensione dell’Albero di Natale in piazza dell’Unità, prevista per le ore 17. Oltre all’arbusto, ci sarà una particolare coreografia vivaistica a tema “freddo”. L’accensione di un secondo albero è prevista per l’8 dicembre, sempre ore 17, ma presso piazza dell’Aquila: cuore del centro storico.

Restando in tema: dall’8 dicembre al 6 gennaio scatta “Presepi al Borgo”, presso il centro storico do Monteprandone. Inaugurazione sabato 8 dicembre ore 15:30 con un  itinerario così suddiviso: dalle parrocchie Sacro Cuore, Regina Pacis, Santuario San Giacomo della Marca e San Niccolò di Bari, alla vie Limbo, Carlo Allegretti e Corso.  A cura dell’Associazione Pro Loco di Monteprandone che comprende anche la XXV Mostra Nazionale di Arte Presepiale, a Palazzo Parissi curata dell’Associazione Segui la Cometa e la Mostra dei Presepi da tutto il mondo di Padre Nicola Iachini, presso Palazzo Parissi “Museo dei Codici di San Giacomo”. Apertura: tutti i giorni dalle 15:30 alle 19:30. «In occasione delle Nozze d’Argento di questa manifestazione, abbiamo fatto le cose davvero in grande – ha detto Giovanni Rosati presidente dell’associazione Segui la Cometa -. Ci saranno delle rappresentazioni davvero importanti, frutto del lavoro di artisti di fama internazionale. Credo che tutti gli appassionati di presepi non possano perdersi questo evento, che farà di questo Natale uno dei più belli mai vissuti a Monteprandone».

Il programma completo è disponibile cliccando qui. Comunque sia, si parte già questo weekend con l’inaugurazione (condizioni climatiche permettendo) della pista ti pattinaggio sul ghiaccio in piazza dell’Unità, insieme ai mercatini tipici. Appuntamento alle ore 15.30 di sabato. Aprirà i battenti anche la pesca solidale, con una raccolta-fondi utile a comperare materiale ludico e didattico per le scuole del paese.

La quinta edizione della manifestazione punta, quest’anno, ad attrarre turisti sul territorio valorizzando la figura di San Giacomo della Marca e offrendo la possibilità ai potenziali visitatori di conoscere la sua storia, di visitare la Chiesa del Convento, i musei dedicati al Santo e i luoghi in cui è vissuto.

Facendo rete e creando iniziative rivolte a famiglie, giovani e bambini, il “Natale al Centopercento” è riuscito negli anni a rinvestire risorse nella comunità. Sono, infatti, stati donati giochi alle scuole dell’infanzia, personal computer e quattro lavagne interattive multimediali (LIM) all’Istituto Comprensivo “Monteprandone”, per un valore complessivo di oltre 9.000 euro.

Il cartellone è stato ideato dall’associazione di commercianti e artigiani locali Centopercento, col patrocinio di: Comune, Provincia, Regione e Bim-Tronto. Tutto grazie ad un lavoro sinergico con l’Istituto comprensivo di Monteprandone, la Pro Loco e le associazioni San Giacomo della Marca e Segui la Cometa. E col supporto di grandi aziende del territorio, come e Baden Haus e LaPlaFerCart-Idea Pallet. Per approfondimenti: www.associazionecentopercento.it.

Presentazione di “Natale al Centopercento”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *