Sant’Egidio alla Vibrata, da oggi “Exameron, i sei giorni della creazione”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – Nella frazione di Paolantonio, a Sant’Egidio alla Vibrata, da questa sera torna l’appuntamento del venerdì in parrocchia: a partire dalle ore 21, infatti, presso l’Auditorium sottostante la chiesa di San Giuseppe inizierà il primo dei sei incontri di esercizi spirituali dal titolo “Exameron: i sei giorni della creazione”, che termineranno il 15 dicembre prossimo con un ritiro finale.

La parrocchia di San Giuseppe, infatti, ormai da tanti anni è attiva settimanalmente con una serie di appuntamenti che coinvolgono giovani e adulti: a farsene ‘promotore’ il parroco di Paolantonio, don Marco Di Giosia, alla guida e a capo del Movimento In Direzione Cristiana, che da poco ha festeggiato il tredicesimo anniversario dalla sua nascita, lungo un percorso iniziato anni fa ed oggi ancora in evoluzione.

L’iter degli esercizi spirituali proposti quest’anno ricalcheranno i ‘passi’ già compiuti da don Fabio Rosini, autore del libro ‘L’arte di ricominciare’, il quale, attingendo dai Padri della Chiesa, ha riproposto una lettura del primo capitolo della Genesi che aiuta a riflettere e a rileggere la propria quotidianità, mostrandoci la possibilità di una ‘risurrezione’ che ciascuno di noi può sperimentare.

Per ‘ricominciare a vivere’, si legge sulla locandina di invito, è necessario ripartire dall’inizio.

In una società dove non ci sono seconde possibilità, dove il fallimento è una vergogna e dove si fa a gara per sembrare perfetti gli uomini hanno infatti smesso di avere speranza e di credere di poter ‘rinascere’. Nella fede, invece, si può ricominciare sempre perché Dio fa nuove tutte le cose e a Lui nulla è impossibile.

Ciò che si prospetta è sicuramente un ‘viaggio’ introspettivo, fatto di Parola, preghiera, verità e speranza. Una scelta libera, dunque, ma un’occasione imperdibile a cui sono tutti invitati a partecipare: perché sapersi mettere in ascolto fa bene al cuore e fa parlare lo Spirito.

 

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *