Grottammare, sabato si parlerà di “Disagio giovanile”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

GROTTAMMARE – Proseguono i cicli di incontri gratuiti promossi dall’Associazione di volontariato Insieme Onlus, con il patrocinio del Comune di Grottammare, si pone come obiettivo quello di fornire “informazioni” e “indicazioni” corrette per accrescere il proprio sapere rispetto alla salute mentale.

Nel campo della salute mentale, quasi sempre si è privi di preparazione specifica; gli incontri, con l’intervento di professionalità esperte, sono rivolti principalmente a informare, formare e supportare i familiari ma anche operatori sociali e volontari impegnati nel settore. Un’informazione semplice e alla portata di tutti, che tocchi i diversi aspetti legati ai disagi mentali. A differenza di altre malattie, la malattia mentale non concede tregua non consente una vita familiare degna di questo nome; bisogna quindi aiutare le famiglie, dando informazioni.

Migliorare la qualità della propria vita, non deve essere solo un concetto astratto ma un obiettivo concreto e possibile da raggiungere.

Sabato 9 Novembre, a partire dalle ore 16.30, verranno trattate le seguenti tematiche:
“Disagio giovanile” “L’adolescenza: aspetti psicologici e sociali”

Relatore:
Lorenzo Flori: Psicologo -Psicoterapeuta Practitioner EMDR, Consigliere Nazionale Società Psicologia e Psichiatria SIPSI.
L’adolescenza è una fase irripetibile del ciclo evolutivo: l’individuo è bersagliato da una grande quantità di stimoli da parte del mondo esterno e quindi risulta difficile definire con criteri univoci questa fase della vita per le mille peculiarità relative alle differenze individuali e sociali. Tuttavia è possibile individuare delle tendenze di comportamenti e atteggiamenti che presuppongono uno sviluppo individuale nuovo rispetto alle fasi precedenti. E’ importante individuare il più precocemente possibile eventuali segni di disagio che frequentemente vengono espressi attraverso comportamenti più o meno visibili. L’ascolto e la comprensione dei bisogni degli adolescenti, potrebbe essere un primo passo per comprendere la natura dei loro conflitti. Gli insegnanti e le famiglie andrebbero sostenuti da esperti del settore, sia per comprendere il significato che si cela dietro il disagio manifestato da un giovane che per acquisire nuove possibilità di relazione.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *