FOTO I bambini di Montelparo, Force e Montemonaco alla scoperta delle castagne

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Di Giuseppe Mariucci

MONTEMONACO – Lo avevamo anticipato nel recente servizio da Force: le iniziative delle Scuole dell’Infanzia di Montelparo, Force e Montemonaco sarebbero continuate!
E, infatti, le insegnanti delle suddette Scuole, alle quali si è unita questa volta quella di San Martino al Faggio di Smerillo, ancora una volta hanno saputo sorprendere tutti con l’organizzazione di una particolare giornata per i loro piccoli.
Dopo Montelparo (visita al vigneto) e Force (visita al Museo del Rame), tutti in quel di Montemonaco!
Qui hanno potuto condividere una meravigliosa mattinata passeggiando nel castagneto comunale dove tutti hanno anche potuto raccogliere quel prezioso frutto che è la castagna!
L’appuntamento, per questa giornata speciale, se lo erano dato presso la “Casa Gioiosa” di Montemonaco.
La struttura, di proprietà della Diocesi di San Benedetto del Tronto, ha fatto da riferimento per l’incontro iniziale!
Da qui i bambini, con i rispettivi pulmini, sono partiti per la passeggiata presso il castagneto, e qui hanno concluso la loro giornata di festa.
Prima di riprendere la strada di casa, infatti (con i mezzi messi a disposizione dalle rispettive Amministrazioni Comunali), nella “Casa Gioiosa” di Montemonaco si sono potute gustare le saporitissime castagne arrosto che gli amici del luogo hanno preparato per i bambini e i loro accompagnatori.
Una particolare emozione, poi, ha invaso chi scrive nel rivedere questo posto che oggi è dedicato, come si comprende dal cartello esposto in una parete esterna, a Don Settimio Vallorani!
“Qualche anno fa” Don Settimio (che era chiamato da tutti Don Sitti’) fu infatti il suo direttore e formatore in quelle cosiddette  e indimenticabili “colonie estive” che erano qui organizzate dalle varie Parrocchie della Diocesi!

In conclusione è stata questa un’altra giornata di grande sostanza e formazione per chi ha potuto esserci! Complimenti a docenti e assistenti!

E non finisce qui!

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *