Consiglio comunale San Benedetto, all’ordine del giorno il blocco della rete 5G

Condividi questo articolo sui social o stampalo

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il presidente Giovanni Chiarini ha convocato il Consiglio comunale per martedì 22 ottobre con inizio alle ore 15. Tra gli undici punti all’ordine del giorno si segnalano:

– l’interpellanza di Capriotti sulla pericolosità dell’uscita da piazza Kolbe sulla Statale, le interrogazioni dello stesso Capriotti (sulla situazione dell’edificio di piazza Kolbe, incompleto da anni, che avrebbe dovuto ospitare la Polizia locale), di Mandrelli (sui motivi che hanno portato al differimento della stipula del rogito per la vendita della ex scuola Curzi), di Pignotti (sulla situazione  di potenziale pericolo dei ponti sul torrente Albula di via Bassi, via Piemonte, viale Trieste e via delle Tamerici).

La ratifica di importanti variazioni di bilancio approvate in via d’urgenza dalla Giunta. L’Amministrazione prende formalmente atto di maggiori entrate (aumento di 990.000 euro dall’IMU per quest’anno, di 160mila euro da Imposta sulla pubblicità e TOSAP nel triennio 2019/2021, di oltre 100mila euro dai pagamenti per le mense scolastiche per l’aumentato numero dei pasti erogati, di 85.000 euro dagli oneri di urbanizzazione) e di maggiori spese da affrontare (incremento del fondo crediti di dubbia esigibilità di 582.000 euro nel 2019, di 18.000 nel 2020 e di 19.000 nel 2021, 72mila euro in più per l’acquisto di beni alimentari per le mense scolastiche, 20 mila euro quest’anno e 150mila euro per il prossimo triennio per il pagamento dei  premi assicurativi, 202.000 euro in più per la pubblica illuminazione, 134.000 per l’appalto calore, 268.000 euro per iniziative culturali, turistiche e sportive). Nuovi investimenti sono previsti per il riqualificato Museo Ittico (25mila euro), per scuole, arredi  e palestre scolastiche (30.000 euro), per la manutenzione straordinaria degli edifici comunali (20.000 euro), per acquisto di attrezzature ludiche e di arredo urbano (10.000 euro).

– La ratifica della delibera di Giunta con cui si valuta come meritevole di interesse pubblico la proposta presenta dalla ditta Saxa per la trasformazione dell’area di via del Cacciatore, dove sorge l’ex opificio industriale Remer, in insediamento residenziale in attuazione del “progetto casa” del 2012. Il valore degli immobili destinati ad housing sociale che la ditta avrebbe dovuto realizzare viene interamente monetizzato e calcolato in oltre 3 milioni che il Comune destinerà alla realizzazione di vari interventi sul territorio comunale. Per questo la delibera che va in approvazione costituisce l’avvio di un procedimento di variante al Piano regolatore generale.

– La modifica del regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale per adeguarlo alla nuova normativa europea sulla privacy. Il regolamento modificato disciplina anche  il possibile uso per fini di sicurezza delle telecamere installate dai privati, l’uso delle fototrappole per la repressione degli abusi in materia di degrado e decoro urbano e delle “body cam” a tutela dell’incolumità degli operatori di polizia.

– Le mozioni di Muzi (per bloccare l’installazione di impianti di trasmissione con lo standard 5G fin quando non ne sarà accertata la non pericolosità), di Falco, Curzi, De Vecchis, Pignotti, Mandrelli, Capriotti, Sanguigni (sul tema dell’istituzione del Consigliere di fiducia e del contegno assunto dall’Amministrazione in merito al rapporto con un suo dirigente), del gruppo consiliare di Fratelli d’Italia (per fare in modo che il Comune riveda la sua decisione di cedere le quote del Centro Agroalimentare Piceno avendo quest’ultimo tra le sue finalità quella di gestione e partecipazione ad eventi fieristici, il che escluderebbe tale società dall’obbligo di cessione delle quote in capo all’Ente).

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *