Proteste in Iraq: Upp, “cessi immediatamente la repressione e sia ristabilita una dialettica democratica”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

“Cessi immediatamente la repressione” e “sia ristabilita una dialettica democratica in cui i movimenti che pacificamente criticano le politiche del carovita e della corruzione possano democraticamente manifestare”. È quanto auspica Un Ponte Per (Upp) in una nota diffusa riguardante le proteste nelle principali città irachene – da Baghdad si sono diffuse a Nassiriyah, Diwaniyah, Najaf, Bassora e Kerbala – che hanno già fatto registrate un numero di vittime salito a 30, mentre aumentano feriti e arresti. Come afferma Alfio Nicotra, co-presidente di Upp, “la repressione ha già comportato un tragico tributo di sangue tra i giovani iracheni. Chiediamo che i fatti di questi giorni siano oggetto di un’inchiesta indipendente, che i responsabili siano individuati: sparare sui manifestanti è un fatto inaccettabile”.

“Auspichiamo che il governo iracheno, che tanta aspirazione al cambiamento aveva suscitato nella popolazione, tenga fede a queste aspettative, richiamando le proprie forze di polizia e militari ad un atteggiamento responsabile e a non proseguire nella repressione”, aggiunge Nicotra.
Un Ponte Per (Upp), Ong italiana presente nel Paese da 28 anni, rilancia e sostiene l’appello della coalizione di associazioni e sindacati “Iraqi Civil Society Solidarity Initiative” (Icssi), che denuncia l’uso eccessivo della forza da parte delle istituzioni irachene e rivendica il rispetto dei diritti umani. “La questione non è mai stata semplicemente l’accesso all’acqua, all’elettricità o ai servizi. Era e continua ad essere la causa del popolo iracheno e del loro Paese, un appello di chi è stato privato dei propri diritti fondamentali troppo a lungo”, spiegano gli attivisti, per i quali “il governo iracheno è tenuto al rispetto del diritto di manifestazione ed espressione, garantito dalla stessa Costituzione irachena”. L’Icssi fa appello alle comunità internazionale perché intervenga sul governo iracheno: “le violazioni che sta ponendo in essere – sostengono – non rispettano infatti gli impegni che ha assunto presso la comunità internazionale sul rispetto dei diritti umani e della libertà di espressione”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *