FOTO Montelparo, la dolce carezza dei bambini ai “nonni”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Di Giuseppe Mariucci

MONTELPARO – Iniziativa lodevole quella che, Daniela Litta, Antonella Guerrieri e Laura Caferri (docenti e ausiliaria della Scuola dell’Infanzia di Montelparo) hanno intrapreso per ricordare la “Festa dei nonni”.
In occasione di questa ricorrenza che ha lo scopo di celebrare “l’importanza del ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società in generale”, esse hanno condotto i bambini, con un’ottima passeggiata, verso la Casa di Riposo “Francesco Antolini” di Montelparo.
Qui, gli anziani, li attendevano con curiosità, emozione, felicità e amore!

I bambini si sono presentati con un elaborato artistico che riproduceva su carta un enorme cuore rosso che hanno dato agli anziani presenti; in esso erano stampati tutti i nomi dei bimbi della Scuola dell’Infanzia. Hanno poi donato a ciascuno anziano, consegnandola con le proprie mani, la riproduzione di una poesia dedicata ai nonni (scritta dalla loro docente Daniela Litta) declamandola in coro:

“La mia mano di bambino,
carezza di nipotino,
a voi Nonni io dono
perché ho nel cuore un bel suono
quando sono con voi:
siete supereroi!”

Così recita la poesia! Essa ha avuto il potere di diffondere, d’intorno, una grande emozione: non sono mancate lacrime di commozione, e non solo negli anziani!
Bravissimi i bambini, bravissime le docenti e i loro collaboratori: è fondamentale, nell’era moderna, trasmettere i valori della famiglia sottolineando quello che, in essa, rappresentano i nonni!
“Questo significa lavorare col cuore e far lavorare i bambini attraverso l’esperienza e l’osservazione ma ancora di più valorizzare la sfera emotiva”, scrive una mamma alle docenti!

“Un’iniziativa di grande umanità e delicatezza oltre che altamente educativa. I nonni, e più genericamente gli anziani, sono i depositari dei valori e dell’identità di una comunità, sia essa una famiglia o un paese. Custodiscono un tesoro inestimabile, ma, nella società odierna, essi sono spesso e volentieri una ‘cassaforte’ molto fragile poiché deprivata del rispetto e dell’affetto delle generazioni più giovani. Auspico che l’iniziativa delle insegnanti della Scuola dell’Infanzia di Montelparo sia contagiosa e che tanti altri insegnanti, sul solco tracciato dalle ridette maestre, progettino e moltiplichino simili iniziative volte a far scoprire ed esperire alle bambine ed ai bambini, la dolcezza e la saggezza che gli anziani dispensano con grande generosità. Le mie più vive congratulazioni al corpo docente e al personale ausiliario della Scuola dell’Infanzia di Montelparo, per aver progettato e fattivamente realizzato una così significativa esperienza educativa”.

Questo scrive, invece, un collega, alle docenti, nel momento in cui ha saputo dell’iniziativa!

Erano presenti all’evento, e con grande commozione anche loro, i dipendenti della Casa di Riposo, il Sindaco di Montelparo e il presidente dell’Associazione Culturale “Il Murello”.

 

 

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *