Comunanza e Montemonaco, un weekend di musica (sacra e non) per riannodare i fili delle relazioni umane lacerati dal terremoto

Condividi questo articolo sui social o stampalo

COMUNANZA – I fili delle relazioni umane, lacerati dal terremoto, rinsaldati grazie ai fili del pentagramma musicale. Ecco “#IlSensodiTutto”, iniziativa in programma sabato 28 e domenica 29 tra Comunanze e Montemonaco. Purtroppo, il sisma non ha distrutto solo le case, ma un po’ anche gli animi.

«I residenti di questi paesi si sono dispersi e così anche i Cori delle comunità religiose si sono visti sempre meno per le loro attività. Questo evento,

In primo piano: Francesco Cioffi, leader dei Medison

attraverso la musica, vuole ricostruire relazioni, legami affettivi» così spiega Angelo Massimi, uno degli organizzatori di questa “due-giorni”, messa a punto anche grazie alla Caritas Diocesana diretta da Don Gianni Croci, al Comune di Comunanza e alla Conad.

«Hanno già dato la loro adesione i cori di Montemonaco, Comunanza, Rotella, Force, Castignano – puntualizza l’organizzatore – e aspettiamo anche quelli di Roccafluvione e Ascoli, insieme a quanti altri vorranno aggiungersi, anche al di là dei confini diocesani, perché questa iniziativa è fatta per unire il più possibile».

Il programma prende il via questo sabato, alle ore 16.30, presso l’oratorio “A. Travaglia” di Comunanza, con un workshop musicale chiamato “E’ sempre festa”. Seguirà un momento conviviale, per poi passare (ore 21, Auditorium “A. Luzi”) al concerto dei Medison, intitolato “Play”.

Leader di questa formazione pop-rock è Francesco Cioffi, apprezzato anche come autore di canti liturgici, con alcuni lavori pubblicati dalle Edizioni Paoline. Massimi sostiene che il senso di questa serata sta nel voler sottolineare che, se un musicista presta la sua opera per la Chiesa, ciò non esclude che possa anche intraprendere altre attività, anche molto diverse da tale contesto.

Il giorno successivo, domenica 29, ci si sposta a Montemonaco. Alle ore 10, presso la chiesa di S. Benedetto Abate, è prevista la prova dei canti. Mentre un’ora dopo ci sarà la Santa Messa. Tutte le iniziative sono ad ingresso gratuito ma per il workshop è gradita la prenotazione. Gli organizzatori sottolineano con soddisfazione che già sono state raccolte una 50ina di adesioni. Si può dunque telefonare ai numeri: 339-3915986 (Carla); 339-4320139 (Angelo); 339-5011074 (Maria Emilia); 340-4905793 (Elisa); 329-0543489 (Nicola).

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *