L’attenzione dei Vescovi delle Marche per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MARCHE – Si è tenuto a Loreto l’incontro della Conferenza dei vescovi delle Marche. Dopo la riflessione spirituale proposta da S. Em.za Card. Menichelli, incentrata sulla figura della Vergine Maria come un punto di riferimento del servizio sacerdotale ed episcopale, si è proceduto agli adempimenti di carattere amministrativo.

Nel corso della riunione sono state fatte alcune nomine: S.E. Rev.ma Mons. Angelo Spina, Arcivescovo Metropolita di Ancona-Osimo, è stato eletto Vicepresidente della Conferenza Episcopale Marchigiana; S.E. Rev.ma Mons. Rocco Pennacchio, Arcivescovo Metropolita di Fermo è stato nominato delegato per i Beni Culturali Ecclesiastici; S.E. Rev.ma Mons. Francesco Massara, Arcivescovo di Camerino-San Severino Marche e Amministratore Apostolico della Diocesi di Fabriano-Matelica è stato nominato delegato per l’ecumenismo, per rapporti con le Chiese greco-cattoliche e il dialogo interreligioso. Rev.do Don Luca Bottegoni, del clero dell’Arcidiocesi di Ancona-Osimo è stato nominato padre spirituale del Pontificio Seminario Regionale di Ancona.

Sono stati presi in esame la prima stesura degli orientamenti pastorali della Chiesa italiana e il lavoro dei gruppi di studio della recente Assemblea Generale dei Vescovi Italiani in merito alla modalità e agli strumenti per una nuova presenza missionaria nel contesto della società italiana.

Particolare attenzione è stata riservata al funzionamento del Servizio regionale per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili. Un congruo tempo è stato dedicato al confronto sulle questioni legate all’ecumenismo e il dialogo interreligioso, con la partecipazione del Rev.do Don Giuliano Savina, Direttore dell’Ufficio Nazionale per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso. È stato ascoltato il Vicario Giudiziale del nostro Tribunale Ecclesiastico Regionale Piceno, che ha riferito sull’andamento del Tribunale nel contesto odierno.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *