Scuola di formazione socio politica, sabato 21 settembre l’incontro con il prof. Giorgio Vittadini

Condividi questo articolo sui social o stampalo

DIOCESI – «Le buone intenzioni che muovono tutti noi cristiani, da sole, spesso non bastano per migliorare la società nella quale ci troviamo ad operare. Servono anche conoscenze e competenze, per questo è importante la formazione». Con queste parole, il vescovo Carlo Bresciani presentava il senso della scuola di formazione socio-politica promossa dalla Diocesi di San Benedetto-Ripatransone-Montalto, iniziata lo scorso 23 marzo.
“Lavoriamo insieme per il bene comune” è il titolo dell’iniziativa, che si rifà alle parole di Papa Francesco. Un appuntamento tutto incentrato sulla Dottrina Sociale, ossia l’insieme di principi, teorie, insegnamenti e direttive emanate dalla Chiesa cattolica in relazione ai problemi di natura sociale ed economica del mondo contemporaneo.

Il Prof. Fernando Palestini nel presentare il prossimo appuntamento che avrà al centro il tema della “Sussidiarietà” afferma: “Nella consapevolezza che siamo di fronte ad una crisi sempre più profonda del tessuto sociale ed alla necessità di formare persone che, ispirate dai principi cristiani, possano inserirsi con competenza professionale nei vari settore socio-politici della vita civile, riprendiamo, dopo la pausa estiva, gli incontri della Scuola di formazione socio-politica “Lavoriamo insieme per il bene comune”.

I prossimi appuntamenti della scuola di formazione socio – politica che si svolgeranno presso il Biancazzurro dalle ore 15,00 alle ore 18,30:
Sabato 21 settembre: “La sussidiarietà”. Saranno con noi il prof. Giorgio Vittadini Presidente della Fondazione per la Sussidiarietà ed uno dei fondatori di Comunione e Liberazione ed il prof. Massimiliano Colombi docente di Sociologia presso l’Istituto Teologico Marchigiano.
Sabato 30 novembre: “La solidarietà”. Approfondiranno il tema il prof. Giuseppe Notarstefano vice-presidente nazionale A.C.I. ed il dr. Vincenzo Castelli Presidente dell’associazione “On the road onlus”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *