VIDEO Parrocchia Santa Maria della Marina, i bambini al nuovo parroco Don Patrizio Spina: “Noi siamo la tua casa”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Noi siamo la tua casa». Un messaggio breve e semplice quello che i bimbi del catechismo hanno scritto ed esposto sul sagrato di piazza Nardone per dare il loro benvenuto al nuovo parroco della cattedrale Santa Maria della Marina: don Patrizio Spina. Pur nella sua semplicità, in quel messaggio è racchiuso tutto il senso della cerimonia che, nel pomeriggio di domenica 8 settembre, ha visto don Spina succedere ufficialmente a monsignor Romualdo Scarponi.

«Una scritta che mi ha colpito molto» ha detto il vescovo Carlo Bresciani nell’omelia pronunciata davanti ad una chiesa gremita di fedeli. In prima fila i sindaci di San Benedetto e Martinsicuro, Pasqualino Piunti e Massimo Vagnoni, insieme ad una delegazione del comitato di quartiere Marina Centro, guidata dalla presidente Elena Piunti.

«Sì, perché ti consegno non soltanto la cattedrale, ti consegno una comunità – ha proseguito Bresciani rivolgendosi al nuovo parroco -. Una comunità fatta anche di giovani. E’ una gioia vederli qui oggi. Fanno parte di una comunità e chiedono di essere cresciuti nella conoscenza e nell’amore del Signore».

A don Patrizio il vescovo ha anche rivolto un incitamento:  «Ti esporto anche a far sì che questa comunità, come tutte le altre, impari a collaborare con altre comunità parrocchiali». Su questo fronte, poco prima dell’inizio della funzione religiosa, il sindaco Piunti aveva ricordato come don Spina, di famiglia fortemente radicata a San Benedetto, sia arrivato alla Marina dopo un periodo trascorso nel vicino Abruzzo: «Noi siamo una città-territorio con eccellenze. Parlo di collaborazione e spirito di servizio che, soprattutto i sacerdoti, hanno saputo rappresentare ed il nostro vescovo è stato bravo ad individuarle».

Parole che hanno fatto da corollario a riti antichi, carichi di suggestione, come il rinnovamento dell’obbedienza al vescovo da parte del nuovo parroco, la lettura della nomina ufficiale, dalla quale si è saputo che don Spina resterà in carica 9 anni, fino all’insediamento – nel vero senso del termine – quando il vescovo ha invitato il sacerdote a sedersi sullo scranno dedicato al parroco.

Ma il “pastore”, da solo, può ben poco se non ha attorno il suo “gregge”. Lo sa bene monsignor Bresciani il quale, nella sua omelia, ha sollecitato anche i fedeli: «Voi, cari fedeli, collaborate con don Patrizio. Ricordatevi che i sacerdoti hanno bisogno della vostra collaborazione. Perché il comito del sacerdote è quello di guidare la comunità, ma è altrettanto vero che le strade del Signore vanno percorse insieme. Carissimi fedeli, lasciatevi guidare dal parroco a conoscere il volere di Dio e pregate per il vostro parroco. Ne ha bisogno. Ne abbiamo bisogno. Caro don Patrizio, ti auguro di trovare una comunità che ti sia vicino, che collabori con te. E ti auguro di collaborare con i sacerdoti che vivono nelle parrocchie vicine». Nel suo discorso, don Spina ha sottolineato il legame tra lui e la chiesa della Marina: dove sono stati battezzati i suoi genitori, dove si sono sposati e a loro volta hanno celebrato il battesimo del futuro sacerdote e dei suoi fratelli.

Un sentito omaggio, poi, ai predecessori: don Paolo Civardi, suo professore di religione al ginnasio, don Luciano Paci, don Armando Moriconi e monsignor Scarponi. Da parroco di una parrocchia tanto cara alla marineria sambenedettese, don Spina ha rivolto parole importanti anche a quel mondo: «Di certo imparerò molto guardando la fatica degli uomini di mare. Conosco il porto, ci andavo da piccolo. Per cui, non meravigliatevi se qualche volta mi vedrete lì, con la scusa di comprare del pesce. Lì imparerò a non lamentarmi. Ad essere attentamente paziente, come lo sono quelli che a casa attendono il ritorno dei marinai. Per me sarà anche divertente mettermi in cammino e mescolarmi tra la gente che, ogni martedì e venerdì, scende al mercato della nostra città. Tutto con discrezione, perché sono consapevole di voler stare in mezzo alla gente per imparare, senza fretta».

Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
ingresso don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina
Ingresso Don Patrizio Spina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *