Montelparo si prepara a festeggiare la Natività di Maria

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MONTELPARO – La Contrada di Santa Maria in Camurano di Montelparo, dove è situato lo storico e omonimo Santuario Agreste, è già da tempo in fermento! Come la storia, gli usi e il folclore vogliono, è qui che da tempo immemore si festeggia, l’8 settembre, la Natività di Maria Vergine.

Questo Santuario (di cui si ha notizia fin dal 1259 quando qui fu edificata una nicchia votiva francescana), da qualche tempo si fa carico di ospitare tante manifestazioni religiose. Questo anche per l’impossibilità di celebrare nella quasi totalità delle chiese di Montelparo (tranne la minuscola chiesa dei Santi Pietro e Silvestro)a causa dei danni procurati dal sisma.

Il Santuario, per tanti mesi di quest’anno 2019, è stato il punto di riferimento di molti fedeli grazie anche alla disponibilità del Priore-Parroco della Parrocchia di San Michele Arcangelo (il Francescano Padre Emanuele d’Aniello).

Qui è prevista anche la celebrazione delle Cresime (il 22 settembre prossimo). Anche quest’anno quindi, dopo il triduo di preparazione alla festa (giovedì 5, venerdì 6 e sabato 7) la giornata di Domenica 8 settembre sarà dedicata, durante la mattinata, alle Messe, alla tradizionale “Sfilata delle Canestrelle in abiti tipici” (accompagnate dal suono di organetto!) e al momento, anch’esso tradizionale,
dedicato al “Pesce fritto e alla porchetta locale”!

Non poteva mancare poi, anche in questa edizione, nel pomeriggio di domenica, e come da qualche tempo oramai sta prendendo ​decisamente spazio, la parte riservata alla Cultura con la presentazione di un libro! Quest’anno sarà la volta dello scrittore Montaltese Raffaele Tassotti che presenterà la sua ultima “creatura” Abouna Saroufim – Il romanzo di un Missionario. Sarà presente l’autore che sarà affiancato dall’archivista parrocchiale Letizia Ferracuti.

A metà della strada che da Montelparo porta al Santuario, poi, ci sarà la possibilità di dedicare un pensiero al soldato inglese “Giorgio”: qui un monumento, con la croce messa nel 1944, ricorda il suo martirio perpetrato dai nazifascisti il 21 marzo di quell’anno!

Il ripetersi di questa manifestazione è stato possibile anche
quest’anno grazie all’apporto, decisivo e prezioso, dell’Amministrazione Comunale, dei Volontari della Contrada Santa Maria in Camurano (sempre guidati da un inesauribile Pierino Tempestilli!), dell’Associazione Giovanile di Volontariato “Il Chiostro” e dall’Associazione Culturale “Il Murello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *