Per l’Assunta batte forte il cuore dell’Abbazia di Santa Maria in Montesanto

Condividi questo articolo sui social o stampalo

CIVITELLA DEL TRONTO – Diocesi in festa per l’Assunzione di Maria. Una ricorrenza di devozione che unisce tutto il territorio locale e non solo, ma che nell’Abazia di Santa Maria in Montesanto assume un’importanza particolare. Sì, perché tra il 14 ed il 15 d’agosto tocca l’apice la Festa dell’Assunta, partita già la scorsa settimana con la novena di preparazione.

Ebbene, mercoledì 14, alle ore 8.30 scatta il pellegrinaggio a piedi: partenza dalla Statale e arrivo a Montesanto. Alle ore 9 sono previste le Confessioni, mentre alle ore 10.30 è fissata la santa messa, presieduta dal vescovo Carlo Bresciani. Alle ore 18, il programma si chiude con i Vespri solenni, presso l’Abazia.

L’indomani, l’agenda delle messe è fitta, con funzioni alle ore: 7.30, 9, 10.30, 17 e 18.
Alle ore 19 è fissata l’estrazione della lotteria benefica. Premio: un quadro della Vergine.
Venerdì 16, la festa si chiude alle 17 con una messa speciale per i benefattori che hanno contribuito al sostegno della comunità locale ed alla realizzazione di questo appuntamento, sempre molto sentito dalla comunità locale e dai parrocchiani guidati da Don Stefano Iacono.

Il 15 agosto, lo ricordiamo, si festeggia l’Assunzione della Vergine Maria al cielo. Per essere stata la Madre di Gesù, Figlio Unigenito di Dio, e per essere stata preservata dalla macchia del peccato, Maria, come Gesù, fu risuscitata da Dio per la vita eterna. Maria fu la prima, dopo Cristo, a sperimentare la risurrezione ed è anticipazione della risurrezione della carne che per tutti gli altri uomini avverrà dopo il Giudizio finale. Fu papa Pio XII il 1° novembre 1950 a proclamare dogma di fede l’Assunzione di Maria.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *