Guatemala: mons. Ramazzini (Mobilità umana), “accordo con gli Usa scelta irresponsabile, non trasparente, servile e compiacente”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

La Chiesa guatemalteca conferma la sua forte condanna rispetto all’accordo sul “terzo Paese sicuro” firmato nei giorni scorsi dal Governo con gli Stati Uniti, che prevede la possibilità, per i migranti, di attendere nel Paese centroamericano l’esito della richiesta di asilo negli Stati Uniti.
È di venerdì scorso un comunicato della Pastorale per la mobilità umana della Conferenza episcopale guatemalteca (Ceg), firmato da mons. Alvaro Ramazzini, vescovo di Huehuetenango e responsabile della Mobilità umana della Ceg. La nota è stata emessa in occasione della visita in Guatemala del segretario Usa per la Sicurezza nazionale, Kevin McAleenan, e ribadisce la “reiterata preoccupazione che deriva dalla firma degli accordi in materia migratoria, firmata recentemente da Guatemala e Stati Uniti, e la nostra condanna per l’opacità che ha accompagnato i negoziati e la sottoscrizione dell’accordo”.
Contemporaneamente, prosegue mons. Ramazzini, “condanniamo la scelta irresponsabile, non trasparente, servile e compiacente dei funzionari del nostro Governo, coinvolti nel negoziato e nella firma degli accordi, e il silenzio e l’ostentata indifferenza di fronte alle deportazioni massive, alle morti e uccisioni di guatemaltechi lungo le strade, alle frontiere, nei centri di detenzione e di fronte alla separazione delle famiglie”.
La nota esprime, inoltre, “indignazione per la doppia morale degli Stati Uniti d’America, che parlano dei diritti umani di migranti e rifugiati, quando non hanno ratificato convenzioni e trattati internazionali così importanti in materia”. E non rinuncia a chiedere alle istituzioni guatemalteche di “applicare la legge, mettendo al primo posto il bene comune”, rigettando “qualsiasi tipo di pressione”. Intanto, una marcia per protestare contro l’accordo si è tenuta ieri a Città del Guatemala, con l’adesione, tra gli altri, della Pastorale per la mobilità umana e della Rete gesuita con i migranti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *