FOTO Campo Scuola Ripatransone, “Cara amica ti scrivo…”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

RIPATRANSONE – Pubblichiamo la lettera di Sara, una giovane ragazza di Ripatransone, giunta in redazione tramite il parroco Don Nicola Spinozzi.

Cara amica,
ti scrivo da San Giorgio all’Isola, vicino Montemonaco, dove con altri miei coetanei, in questi giorni sto vivendo il campo scuola parrocchiale e sono tanto felice di avere avuto l’opportunità di partecipare. È un’esperienza bellissima che va assolutamente fatta, perché grazie a questi bei momenti si cresce, si creano nuove amicizie, ma soprattutto ci si responsabilizza.
A dirti il vero, ero un po’ titubante nel partecipare………… ma poi mi sono fidata di quello che mi hanno detto i catechisti e il don durante un incontro e mi sono fatta fondamentalmente una domanda: perché non andare? Di tutte le risposte che mi sono data, nessuna ha soddisfatto la mia voglia di crescere e di imparare cose nuove condividendo con altri miei coetanei questo momento così importante per la mia vita. Ho sperimentato che ci si può anche staccare dal cellulare senza dover per forza “morire”, a comunicare di più con gli altri e si scoprono cose nuove e volti nuovi.

La mattina facendo catechesi in mezzo alla natura riesco meglio a riflettere e a capire cosa sto facendo e ho scoperto anche dei suoni che in città sono rari da sentire. Che bello sentire il cinguettio degli uccelli, il rumore dei rami degli alberi che con le loro foglie sono come accarezzati dal vento; il dolce tepore del sole che non scottando, dona ai paesaggi dei colori stupendi. Queste esperienze inoltre rafforzano la fede Cristiana di ognuno di noi e ci fa capire che se vogliamo realizzare una cosa possiamo farlo senza mai abbatterci. Gli educatori sono bravissimi, hanno tanta calma e pazienza e il Don è fantastico!
In questi giorni mi sto divertendo tantissimo, ho imparato molte cose e non scorderò mai questi bei momenti. Spero tantissimo che il prossimo anno possiamo fare questa esperienza insieme

A presto!

Tua Sara

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *