San Benedetto, l’assestamento del bilancio va in Consiglio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Presidente Giovanni Chiarini ha convocato il Consiglio comunale per sabato 20 luglio con inizio alle 8. Tra i 14 punti all’ordine del giorno si segnalano:

– le interrogazioni di Pignotti (che chiede quando si avrà un nuovo dirigente a tempo pieno per i Lavori Pubblici), di Falco e Curzi (che intendono conoscere tempi e modalità di sostituzione del personale presso i Servizi demografici), l’interpellanza di Capriotti (per chiedere un intervento urgente in via Premuda).

– La comunicazione prelevamenti dal fondo di riserva per far fronte a circa 62000 euro di risarcimenti danni derivanti da transazioni.

– L’assestamento generale di bilancio, passaggio necessario per verificare l’andamento di entrate e uscite e il mantenimento del pareggio. Il documento descrive l’incremento di 60mila euro dei diritti di segreteria urbanistici, di 24.400 euro dal canone che verserà la ditta che si aggiudicherà la concessione dei distributori di alimenti negli edifici comunali mentre scendono di 118.000 euro rispetto al preventivato gli introiti delle contravvenzioni. Sul fronte spese, il documento parla di 141.000 di riduzione dell’onere sui mutui, di un incremento di 22.500 euro per premi assicurativi e di 25.550 euro in più per il capitolo risarcimento danni. Contabilizzati come debiti fuori bilancio alcuni lavori di somma urgenza secondo le nuove modalità di calcolo indicate dalla Corte dei Conti.  Pur nel permanere degli equilibri di bilancio, il documento segnala alcune criticità non di oggi come l’importante livello dei residui attivi, il taglio notevole di trasferimenti dallo Stato, il contenzioso in giudizio che fa riferimento a cause avviate molti anni fa.

– Alcune modifiche al regolamento di contabilità, sia per adeguarlo alle nuove regole del bilancio consolidato sia per meglio definire le attività di rimborso e anticipazione di fondi economali.

– Il regolamento per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà per alloggi di Edilizia Economica e Popolare – PEEP. Si tratta di un passaggio fondamentale per tanti cittadini che da tempo chiedono di poter acquisire in proprietà la casa dove abitano: il regolamento, tra le altre cose, fissa i criteri per determinare il prezzo e le forme di rateizzazione.

– Il nuovo regolamento sul funzionamento del Consiglio comunale dei ragazzi che manda in pensione quello approvato nel 1998. Il consiglio sarà composto da 18 membri, 6 per ogni ISC cittadino, che eleggerà sindaco e vicesindaco.

– La presa d’atto delle risultanze dell’assemblea dei comuni soci della CIIP spa del 28 giugno scorso quando fu approvato il bilancio consuntivo 2018 e rinnovati gli organi della società.

– Le mozioni di Marzonetti (per l’apertura di un Ecosportello nella delegazione di Porto d’Ascoli), del gruppo “San Benedetto protagonista” con Crescenzi prima firmataria per chiedere l’istituzione del Garante comunale per l’infanzia e l’adolescenza, di Massimiani per indurre l’Amministrazione ad opporsi al progetto di nuovo ridimensionamento dell’ufficio doganale di San Benedetto del Tronto che, dopo la perdita dell’autonomia avvenuta nel 2010 con l’accorpamento all’ufficio di Civitanova Marche, ora insieme a quest’ultimo verrebbe diretto addirittura dalla sede di Bologna.

Previsto anche l’inserimento di una mozione urgente per diffidare gli organi ministeriali dal portare avanti la procedura di valutazione di impatto ambientale del progetto di deposito di gas naturale a Porto d’Ascoli presentata da Gas Plus, anche alla luce del recente pronunciamento del TAR Lazio che ha accolto il ricorso presentato dal Comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *