Montemonaco di prepara a festeggiare San Benedetto Abate

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MONTEMONACO – La comunità cristiana si prepara a festeggiare San Benedetto Abate, titolare della chiesa principale di Montemonaco. Si tratta della prima festa che si svolge dopo la riapertura dell’edificio sacro avvenuta lo scorso 6 aprile (vedi QUI). Le manifestazioni di carattere religioso occuperanno la mattinata di domenica 14 luglio, mentre nel pomeriggio avranno luogo quelle di carattere civile e sociale. La giornata avrà inizio con la Santa Messa delle ore 11.00 seguita dalla processione delle canestrelle, donne in abito tradizionale che portano dei cesti da lavoro. Alle ore 16.30 partirà dall’ex chiesa di San Michele il corteo storico che si esibirà in Piazza Roma. Questo appuntamento sarà curaro dal Gruppo Alfieri e Musici di Servigliano. Prevista anche l’esibizione del cantante Tony Pax. I festeggiamenti si concluderanno alle ore 20.00 in località Torrioni con una cena sotto le stelle. La serata sarà animata dal gruppo “Celtic Rock”. Sarà allestito anche il mercatino con tipici prodotti locali.

L’importanza di questa festa ci viene spiegata dal parroco Don Dino Straccia:«Quanto stiamo per celebrare in onore di San Benedetto Abate è importante per rivalutare questa festa, dopo tanti anni, in maniera adeguata a un personaggio così importante, sia dal punto di vista storico che religioso, come San Benedetto Abate. Noi sappiamo dell’importanza dei monaci che intorno all’anno 1000 vennero dall’abbazia di Farfa per riportare la civiltà in questi luoghi. Riportare in auge questa festa significa tenere viva la tradizione del Paese. Gli abitanti di Montemonaco l’hanno organizzato molto bene, sia nel suo aspetto religioso che sociale. Il rapporto con la tradizione ci permette di non dimenticare il passato e questo è fondamentale per noi: chi non ha passato non ha futuro. Ciò si collega anche all’insegnamento di Gesù, quando il Signore ci dice che tutto ciò che lui fa rimane in eterno».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *