San Benedetto, il governo della sanità pubblica a 40 anni dalla riforma

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Com’è cambiato e a quali sfide è chiamato il management della sanità pubblica a 40 anni dalla storica riforma? E’ il tema che Angelo Tanese affronta nel libro “Il ruolo del management nel Servizio Sanitario – Una storia in tre atti” (Egea editore) che sarà presentato venerdì 28 giugno alle  21 alla Palazzina Azzurra. Intervengono il sindaco Pasqualino Piunti e il direttore dell’Area Vasta 5 dell’ASUR Cesare Milani. Presenta il volume Stefano De Lillo, medico, già senatore della Repubblica.

A quarant’anni dall’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale – SSN e oltre venti dalla nascita delle aziende sanitarie, il libro propone una riflessione originale sulla figura del manager sanitario. Con uno stile narrativo, ma al tempo stesso rigoroso nell’utilizzo delle fonti documentali e di ricerca, l’Autore ci accompagna in un viaggio all’interno del SSN e della sua evoluzione in questi decenni, dal clima di entusiasmo e di aspettativa che caratterizzò i primi passi delle aziende sanitarie nella seconda metà degli anni ’90 alla progressiva disattenzione nei confronti della figura del Direttore Generale e delle aziende stesse, in anni difficili caratterizzati da spinte neocentraliste e Piani di Rientro.

Angelo Tanese è un sambenedettese che ha maturato una vastissima esperienza nella direzione dei processi organizzativi e gestionali delle pubbliche amministrazioni, e in particolare del settore sanitari. E’ attualmente Direttore generale dell’ASL Roma 1.

“Mi auguro che gli addetti ai lavori ma anche i semplici cittadini che hanno a cuore le sorti della sanità pubblica non perdano quest’occasione per capire meglio come poter affrontare la sfida di questi anni – dice il sindaco Piunti presentando l’appuntamento – la sanità sta cambiano rapidamente, i nuovi modelli organizzativi per offrire le cure adeguate al bisogno di salute che arriva dalle comunità locali richiedono una classe dirigente in grado di assumere decisioni in contesti ad alta complessità e costruire relazioni di fiducia per guidare e realizzare cambiamenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *