Strage in edificio governativo in Virginia: mons. Knestout (Richmond), “notizia devastante”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Ha pregato tutta la notte per le vittime di Virginia Beach e per la comunità di Hampton Road il vescovo di Richmond, Barry C. Knestout, e ha invitato tutti i cittadini a ricordare, assieme a lui, anche i feriti, il personale medico e i primi soccorritori. “Una notizia devastante”: così mons. Knestout ha definito la sparatoria in questa cittadina della Virginia, dove 11 persone sono morte e altre 6 sono state ferite. Dalle prime ricostruzioni della polizia, un impiegato di lungo corso nei servizi pubblici è entrato nell’edificio 2 del Centro comunale e ha fatto fuoco contro i colleghi, mentre negli uffici tante persone stavano disbrigando pratiche. La polizia ha aperto il fuoco contro l’assalitore uccidendolo e un agente è rimasto ferito durante lo scontro. “Questo è il giorno più devastante nella storia di Virginia Beach”, ha dichiarato commosso il sindaco Bobby Dyer. “Le persone coinvolte sono nostri amici, colleghi, vicini, colleghi”, ha continuato con voce rotta. Il capo della polizia James Cervera ha dichiarato in conferenza stampa che questo “è il tempo delle domande più che delle risposte ed è un tempo che cambierà la vita di tante persone della nostra città”. Megan Banton, una delle impiegate, dopo aver udito gli spari si è baricata in ufficio assieme ad altri 20 colleghi, mentre chiedeva al 911 di intervenire immediatamente. “Pensavo al mio bambino di 11 mesi che mi aspettava a casa e intanto cercavo di mettere in salvo più vite possibili, mentre fuori dalla porta sentivo gli spari” continua Banton che si domanda le ragioni del gesto: “Perchè qualcuno fa questo, entra e spara? Eppure accade e non pensi mai che un giorno possa accadere a te, come invece è successo”. L’Fbi sta affiancando i lavori della polizia locale per identificare le vittime e ricostruire la dinamica della sparatoria. Al momento sembra che il sospetto abbia acquistato legalmente le armi da fuoco, secondo le prime informazioni fornite dagli investigatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *