Martinsicuro celebra la Festa della Repubblica ed i suoi valori chiamando a raccolta gli artisti locali per la 1° edizione del “Villaggio dell’Arte”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MARTINSICURO – L’Amministrazione Comunale, Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale, in occasione della Festa della Repubblica di domenica 2 Giugno 2019 organizza, in collaborazione con la Scuola di Musica L.A.M., la 1° edizione del “Villaggio dell’Arte”, una manifestazione che punta a coinvolgere tutti gli artisti e le varie espressioni d’arte presenti sul territorio di Martinsicuro e Villa Rosa. L’evento si svolgerà in piazza Cavour a partire dal pomeriggio, dalle ore 16:00 alle ore 22:00.

L’arte, in ogni sua manifestazione, è la più alta espressione umana di creatività e di fantasia, ed è forse uno dei pochi momenti che permettono all’uomo di esteriorizzare la propria interiorità. Quale migliore strumento, appunto, dell’arte per permettere a ognuno di noi di celebrare, nel miglior modo possibile, la nascita della Repubblica Italiana, dei suoi valori più intrinsechi e veri di unità, fratellanza e comunità” sottolineano il primo cittadino di Martinsicuro, Massimo Vagnoni, ed il Presidente del Consiglio Comunale, Emma Zarroli, che ha voluto realizzare questo evento in una giornata così importante per il Paese.

Attraverso questa kermesse puntiamo anche a valorizzare il florido patrimonio artistico della nostra Città che può contare tantissimi artisti, ognuno dei quali potrà declinare il proprio messaggio secondo l’espressione artistica più vicina al suo sentire e rilanciando quelli che sono, a suo modo di vedere, i messaggi più pregnanti di questa importante festa nazionale” concludono gli amministratori truentini. “Ringraziamo, per la collaborazione nell’organizzazione dell’evento la Scuola di Musica L.A.M. e invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare a questa manifestazione, anche per riscoprire, tutti assieme, quel senso di “villaggio”, di comunità, che è da sempre alla base del nostro territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *