Papa in Romania: il 2 giugno la “divina liturgia” per la beatificazione di sette vescovi martiri e l’incontro con la comunità rom

Condividi questo articolo sui social o stampalo

La Divina Liturgia per la beatificazione dei 7 vescovi greco-cattolici martiri nel Campo della Libertà, a Blaj, in programma alle ore 11, e l’incontro con la comunità rom, alle 15.45. Sono i due momenti che scandiranno la terza e ultima giornata del viaggio apostolico in Romania. La Divina Liturgia, che sarà presieduta dal Papa – che terrà anche l’omelia – ma celebrata dal cardinale Lucian Muresar, arcivescovo di rito greco-cattolico, “si svolgerà in un luogo molto significativo per la fede dei cattolici in Romania”, ha sottolineato il direttore “ad interim” della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti, nel briefing di oggi: “Fu qui che il regime comunista, nel 1948, chiese ai cattolici di unirsi alla chiesa ortodossa: molti non accettarono e furono perseguitati e martirizzati”. Alle 13.25 il pranzo con il seguito papale e, alle 15.45, l’incontro con la comunità Rom di Blaj. “Si tratta di un quartiere, non di un campo – ha precisato il portavoce vaticano – dove la maggioranza della popolazione è di etnia rom, integrata nel tessuto della città di Blaj. La parrocchia dove il Papa incontra le famiglie rom è stata inaugurata due settimane fa e ha visto la benedizione della prima pietra solo nel 2017, da parte del cardinale Sandri. È una piccola chiesa, che può ospitare dentro circa 60-100 persone, mentre fuori un numero più grande. Sarà un incontro particolarmente raccolto”. Il Papa porterà il suo saluto alla comunità rom, prima di trasferirsi in elicottero – alle 16.35 – all’aeroporto di Sibiu, per la cerimonia di congedo, in programma alle 17.20, dieci minuti prima della partenza dell’aereo papale per Ciampino. In tutto il viaggio apostolico in Romania saranno otto gli interventi del Papa: tre discorsi, tre omelie e due saluti, tutti in italiano.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *