Papa Francesco: a Caritas Internationalis, “i poveri sono persone”, no a “falsa carità”

Condividi questo articolo sui social o stampalo

“I poveri sono anzitutto persone, e nei loro volti si cela quello di Cristo stesso”. Lo ha ribadito il Papa, nell’udienza concessa alla Caritas Internationalis.
“Essi sono sua carne, segni del suo corpo crocifisso, e noi abbiamo il dovere di raggiungerli anche nelle periferie più estreme e nei sotterranei della storia con la delicatezza e la tenerezza della Madre Chiesa”, ha proseguito Francesco, secondo il quale “dobbiamo puntare alla promozione di tutto l’uomo e di tutti gli uomini affinché siano autori e protagonisti del proprio progresso”. “Il servizio della carità deve scegliere la logica dello sviluppo integrale come antidoto alla cultura dello scarto e dell’indifferenza”, la direzione di marcia additata ai presenti, insieme all’affermazione che “la peggiore discriminazione di cui soffrono i poveri è la mancanza di attenzione spirituale”. “Non si può vivere la carità senza avere relazioni interpersonali con i poveri: vivere con i poveri e per i poveri”, la ricetta di Francesco: “Perché vivendo con i poveri impariamo a praticare la carità con lo spirito di povertà, impariamo che la carità è condivisione. In realtà, non solo la carità che non arriva alla tasca risulta una falsa carità, ma la carità che non coinvolge il cuore, l’anima e tutto il nostro essere è un’idea di carità ancora non realizzata”. All’assemblea di Caritas Internationalis, in corso a Roma fino a domani, partecipano 450 persone, in rappresentanza di 150 organizzazioni internazionali. “Un record”, ha detto il card. Luis Antonio Tagle, presidente di Caritas Internationalis, nel suo saluto al Santo Padre.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *