Montalto, una concattedrale gremita per la 32^ edizione del Festival degli Appennini

Condividi questo articolo sui social o stampalo

MONTALTO – Una concattedrale stracolma di alpini, appassionati, musicisti e direttori di coro, provenienti da tutte le Marche e dal vicino Abruzzo, ha accolto la 32^ edizione del Festival degli Appennini, manifestazione in grado di esprimere i grandi sentimenti legati ai canti della montagna, alpini e popolari. Nella serata del 18 maggio scorso, a Montalto Marche, i tre cori partecipanti hanno dato vita all’esecuzione del repertorio popolare, dove ciascuna formazione ha dato il meglio, in termini di intonazione, espressività e qualità timbriche. Il Coro “La Cordata”, rinverdito nell’organico da giovani voci, ha affermato uno stile interpretativo che lo inserisce a pieno titolo nella coralità popolare nazionale, grazie anche ad una propria identità di repertorio, volto al recupero, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio di tramandazione orale che il M°Patrizio Paci sta conducendo, con grande passione e professionalità, lavoro finalizzato alla pubblicazione del libro “Voci e Storie d’Altri Tempi”, recentemente presentato a Fermo.  Il Coro “Azzurro di Strada” di Pieve di Bono – Prezzo (TN), ha ben eseguito canti popolari trentini tratti dal repertorio del Coro della SAT di Trento. Il Coro “Voci delle Dolomiti” di Longarone (BL) ha brillantemente interpretato i canti alpini della Prima Guerra Mondiale. Al termine della serata i tre cori uniti hanno eseguito Signore delle cime, La Montanara e Il Testamento del Capitano, brano cantato in piedi nell’ultima strofa da tutto il pubblico, per il tripudio finale, al quale si è aggiunta inaspettatamente la richiesta a gran voce di un bis, alla quale i cori hanno risposto con il brano “Doman l’è festa”. Questa splendida edizione del Festival si inserisce nella prolifica e qualificata attività del Coro “La Cordata”, reduce da un importante e significativa trasferta a Ronciglione nello scorso aprile, da un concerto pro AVIS nel Teatro “Ventidio Basso” di Ascoli Piceno l’11 maggio e dal prossimo impegno a Macerata, insieme al Coro “Sestese” di Sesto Calende (VA), sabato 25 maggio 2019 alle ore 18.00, presso il Chiostro dell’Università di Filosofia, dove si esibirà nell’ambito della 34^ Rassegna dei Sibillini, organizzata dal Coro “Sibilla”.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *