Montelparo, venerdì un importante convegno di rilevanza nazionale sulla Disfagia

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Di GiuseppeMariucci

MONTELPARO – Un importante evento si terrà, presso l’Azienda Socio-Sanitaria G. Mancinelli di Montelparo, venerdì prossimo, 24 maggio: il Convegno “Disfagia.it: quando digerire diventa un problema”.

La responsabile scientifica, Dottoressa Maria Fiorella Cioni, unitamente all’equipe dell’ente, è riuscita a far convenire in questo nostro minuscolo paese, sede dell’Azienda succitata,  alcuni dei più importanti esperti del settore per discutere su di un problema di importante rilievo.

La disfagia, infatti, è il termine medico che definisce la difficoltà di passaggio dei cibi e delle bevande dalla bocca fino allo stomaco.

Il fenomeno della disfagia è molto frequente negli anziani, ma le cause che possono provocare difficoltà di deglutizione sono molteplici e possono insorgere in persone di tutte le età.

Nel caso, poi, degli ospiti del Mancinelli è riscontrabile in molti dei giovani ospiti. La disfagia è per lo più provocata da un disturbo, una sindrome o una malattia, che colpisce i nervi e i muscoli di lingua, bocca o gola che portano a difficoltà di coordinazione e/o controllo della deglutizione.

I numerosi esperti, che qui converranno, coglieranno certamente l’occasione per suggerire soluzioni a una problematica che pone seri limiti all’alimentazione.

Ma ne sapremo senz’altro di più alla fine del Convegno.

Ricordiamo, infine, che l’Azienda Socio-Sanitaria “G. Mancinelli”, da oltre cinquant’anni, ospita giovani di sesso maschile in età evolutiva o adulti con disabilità psico-fisiche, con lieve o profondo ritardo intellettivo conseguente a patologie congenite o insorte in fase perinatale o nella primissima infanzia. A ciò spesso si associano gravi disturbi comportamentali. Le finalità fondamentali sono di favorire l’adattamento e il raggiungimento della massima autonomia degli ospiti.

Condividi questo articolo sui social o stampalo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *